Archivio per Categoria VIDEO BOLZANO

DiCasaPound Trentino Alto Adige

I video di CasaPound Bolzano

Servizio di Alto Adige TV sulla censura al bassorilievo di piazza Tribunale Nella conferenza stampa di CasaPound abbiamo spiegato i veri significati dell'immensa opera artistica di Piffrader e il vero pensiero di Hannah Arendt sul fascismo italiano che, come ammonisce nel suo libro "le origini del totalitarismo", non bisogna confondere con i regimi totalitari come il nazionalsocialismo tedesco e il comunismo sovietico - confusione che sembrerebbero invece avere in testa governanti nostalgici come Kompatscher e Caramaschi. "Quando il partito fascista si impadronì dello Stato e si identificò con la massima autorità nazionale, si apprestò a fare del popolo una parte dello Stato. Ma non si pose mai al di sopra dello Stato, né i suoi capi si ritennero al di sopra della Nazione" (Hannah Arendt, Le origini del totalitarismo) Andrea Bonazza Maurizio Puglisi Ghizzi CasaPound Italia CasaPound Trentino Alto Adige VOTA Casapound Italia in Trentino Alto Adige Sezione Oltrisarco - CasaPound Bolzano "La Max" #casapound #Bolzano #bassorilievo #piazzatribunale #talebani #hanspiffrader #hannaharendt #fascismo #totalitarismo

Mentre il centrodestra fa ciò che gli riesce meglio, ovvero frignare come bambini per ciò che loro stessi, al governo provinciale e nazionale, hanno accettato, CasaPound Italia spiazza tutti contestualizzando il vero pensiero di Hannah Arendt che, nel suo celebre libro "Le origini del totalitarismo", ammonisce di non confondere il #fascismo italiano, autoritario, con i regimi totalitari nazista e comunista. #CasaPound annuncia infine nuove battaglie con un referendum per salvaguardare tutti i monumenti e tutti gli edifici storici dell'Alto Adige, di ogni periodo storico e dei tre gruppi etnici di questa terra. Servizio di Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano Andrea Bonazza Maurizio Puglisi Ghizzi CasaPound Trentino Alto Adige VOTA Casapound Italia in Trentino Alto Adige Sezione Oltrisarco - CasaPound Bolzano "La Max"

Servizio di Il Giorno dell'Alto Adige sulla nostra conferenza stampa di ieri in cui spieghiamo l'esito del processo di Piazza della Vittoria, i cui 10 militanti di CasaPound Italia sono stati assolti, e annunciamo battaglia per il 5 novembre, giorno dell'inaugurazione dello sfregio talebano di Piazza Tribunale. Andrea Bonazza Maurizio Puglisi Ghizzi

Servizio andato in onda oggi al Tg3 sulla nostra conferenza stampa di questa mattina in cui, dopo l'assoluzione di ieri per Piazza della Vittoria, annunciamo battaglia per la vicina inaugurazione dello sfregio talebano di Piazza Tribunale CasaPound Trentino Alto Adige Maurizio Puglisi Ghizzi Andrea Bonazza #monumentoallavittoria #casapound #bolzano #piazzatribunale #tricolore #hanspiffrader #hannaharendt #credereobbedirecombattere #altoadige

La nostra conferenza stampa di questa mattina, sulla nostra assoluzione e sul bassorilievo di Piazza Tribunale, ai microfoni di Alto Adige TV Andrea Bonazza Maurizio Puglisi Ghizzi CasaPound Trentino Alto Adige

Servizio di Alto Adige TV con intervista ai consiglieri Maurizio Puglisi Ghizzi e Andrea Bonazza Assolti 10 militanti di #CasaPound Bolzano che esposero tricolore al Monumento alla Vittoria Bolzano, 23 ottobre 2017 - Sono stati assolti questa mattina dall’accusa di ‘manifestazione non autorizzata’ i dieci militanti di CasaPound Italia che il 12 agosto 2014, avevano esposto - durante l'orario di apertura - una bandiera italiana per coprire simbolicamente l'anello luminoso posto dal comune su di una colonna del Monumento alla Vittoria. Nel febbraio 2016 il GIP presso il Tribunale di Bolzano aveva accolto la richiesta del Pubblico Ministero volta all’emissione di un decreto penale con cui gli attivisti di Cpi erano stati condannati a pagare un’ammenda di 1300 euro ciascuno per violazione dell’articolo 18 del Testo Unico di pubblica sicurezza ma, questa mattina, il giudice dott Carlo Busato ha assolto i dieci militanti. Il Tribunale ha infatti deciso di accogliere la tesi difensiva degli avvocati difensori del Movimento, Miki Eritale, Federico Fava e Alessandro Osler, pronunciando sentenza di assoluzione per insussistenza del fatto. Tra i dieci imputati di Cpi assolti anche i tre consiglieri comunali Maurizio Puglisi Ghizzi, Andrea Bonazza e Sandro Trigolo. “Ribadendo ancora una volta che laddove ci sarà da difendere l’italianità, ci troveranno sempre a sventolare la bandiera del nostro popolo - interviene il coordinatore regionale Bonazza - accogliamo questa sentenza di assoluzione con il sorriso di chi, a differenza di altri, ha la coscienza pulita e continua a percorrere la propria incessante marcia con coerenza e decisione, per il trionfo di una giustizia sociale e politica ben più giusta e importante dei piagnistei antidemocratici dei nostri avversari politici" conclude la nota. QUESTA MATTINA ALLE ORE 11:00 SI TERRA' UNA CONFERENZA STAMPA NELLA SEDE CENTRALE DI CASAPOUND IN VIA CESARE BATTISTI VIII A BOLZANO casapoundbolzano@yahoo.it CasaPound Trentino Alto Adige Società degli Scudi

Servizio del Tg3 regionale Assolti 10 militanti di #CasaPound Bolzano che esposero tricolore al Monumento alla Vittoria Bolzano, 23 ottobre 2017 - Sono stati assolti questa mattina dall’accusa di ‘manifestazione non autorizzata’ i dieci militanti di CasaPound Italia che il 12 agosto 2014, avevano esposto - durante l'orario di apertura - una bandiera italiana per coprire simbolicamente l'anello luminoso posto dal comune su di una colonna del Monumento alla Vittoria. Nel febbraio 2016 il GIP presso il Tribunale di Bolzano aveva accolto la richiesta del Pubblico Ministero volta all’emissione di un decreto penale con cui gli attivisti di Cpi erano stati condannati a pagare un’ammenda di 1300 euro ciascuno per violazione dell’articolo 18 del Testo Unico di pubblica sicurezza ma, questa mattina, il giudice dott Carlo Busato ha assolto i dieci militanti. Il Tribunale ha infatti deciso di accogliere la tesi difensiva degli avvocati difensori del Movimento, Miki Eritale, Federico Fava e Alessandro Osler, pronunciando sentenza di assoluzione per insussistenza del fatto. Tra i dieci imputati di Cpi assolti anche i tre consiglieri comunali Maurizio Puglisi Ghizzi, Andrea Bonazza e Sandro Trigolo. “Ribadendo ancora una volta che laddove ci sarà da difendere l’italianità, ci troveranno sempre a sventolare la bandiera del nostro popolo - interviene il coordinatore regionale Bonazza - accogliamo questa sentenza di assoluzione con il sorriso di chi, a differenza di altri, ha la coscienza pulita e continua a percorrere la propria incessante marcia con coerenza e decisione, per il trionfo di una giustizia sociale e politica ben più giusta e importante dei piagnistei antidemocratici dei nostri avversari politici" conclude la nota. DOMANI MATTINA ALLE ORE 11:00 SI TERRA' UNA CONFERENZA STAMPA NELLA SEDE CENTRALE DI CASAPOUND IN VIA CESARE BATTISTI VIII A BOLZANO casapoundbolzano@yahoo.it CasaPound Trentino Alto Adige Società degli Scudi

Il consigliere di CasaPound Italia Michael Sini sulla mozione che chiedeva la rimozione dei cassonetti #Caritas, bocciata in circoscrizione a Don Bosco. Nella mozione Sini richiedeva di far pressione agli uffici competenti affinché fossero rimossi tutti i cassonetti della Caritas presenti nel quartiere, da sostituire con dei cassonetti al centro di riciclaggio. Queste le votazioni: Favorevoli: Sini (CasaPound) Masocco (LN) Lillo ( All.xBZ) Contrari: Castellano (PD) Bancaro (PD) Pugno (Verdi) Astenuti: Unterhofer (SVP) Capicotto (M5Stelle) Costanzo (Gennaccaro) Barbieri (Caramaschi) Assente: Seppi (Uniti x BZ)

Il momento dell'irruzione in consiglio di un ex-dipende comunale che ha sputato addosso al segretario generale, immediatamente fermato dai consiglieri di CasaPound Italia che, assieme a pochissimi altri, sono intervenuti per bloccarlo fisicamente e trascinarlo di forza fuori dall'aula. Il centrodestra: "scandaloso!" La Lega: "serve più sicurezza!" La sinistra: "chiamate la polizia!" CasaPound: "Fuori da qui succede ben di peggio! Non conosciamo le ragioni di questo gesto, abbiamo risolto il problema, ma adesso smettetela di frignare e torniamo a lavorare su ciò per cui siamo stati eletti!" Andrea Bonazza Sandro Trigolo Maurizio Puglisi Ghizzi

L'intervista al coordinatore regionale di CasaPound Trentino Alto Adige Andrea Bonazza, sull'ascesa delle destre in Europa e di CasaPound Italia in regione, andata in onda nel corso della trasmissione "Trentino in diretta" su RTTR La Televisione #casapound #trentino #altoadige

Il consigliere di CasaPound Italia Maurizio Puglisi Ghizzi critica fortemente la giunta comunale per l'intenzione di acquistare, con i soldi dei contribuenti, una struttura per l'emergenza freddo, oggi riservata quasi unicamente a stranieri e, come già visto l'anno scorso, covo abituale di #feccia Andrea Bonazza Sandro Trigolo

Il consigliere comunale di CasaPound Italia Andrea Bonazza sbatte in faccia al centrosinistra i dati reali di ASSB riguardanti il tanto elogiato progetto del Comune di Bolzano, per l'accoglienza ai minori immigrati non accompagnati: Da Bolzano sono passati 350 minori immigrati non accompagnati, quasi tutti scappati. Su 116 minori non accompagnati 82 sono scappati dalle strutture di accoglienza. L'età media di questi minori è di 16/17 anni, quindi prossimi alla maggiore età. Su 116 minori, 112 sono maschi mentre le donne sono solo 4! Dal 2014 al 2016 i minori immigrati non accompagnati sono passati da 40 a 116. Quasi la totalità dei minori erano affetti da #epatite A e, alcuni, da #scabbia e #malaria. La maggior parte di questi ragazzi si ferma in città appena per 1 mese e SOLO 3 SU 116 PROSEGUONO CON IL PROGETTO DI INTEGRAZIONE. UN SOLO RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE! #BASTAimmigrazione #BASTAcentriprofughi #casapound Maurizio Puglisi Ghizzi Sandro Trigolo

Servizio di Alto Adige TV con intervento del coordinatore regionale di #Casapound Andrea Bonazza, sull'approvazione del DDL antifascista #Fiano

Il servizio di RTTR ALTO ADIGE sullo scontro tra il consigliere di CasaPound Italia Andrea Bonazza e il sindaco Caramaschi, a proposito del bivacco abusivo di piazza della Vittoria e la richiesta di intervento della Polizia Municipale #casapound #bonazza #piazzavittoria #caramaschi #bolzano

#IMMIGRAZIONE #Oltrisarco Il servizio di Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano con intervista al consigliere Cpi di quartiere Massimo Trigolo, sulla protesta di #casapound contro nuove strutture per l'accoglienza agli immigrati a Oltrisarco "Siamo pronti ad alzare le barricate qualora fosse Oltrisarco il quartiere prescelto dal Comune di Bolzano per spostare la mensa per immigrati di piazza Verdi e il centro per l'emergenza freddo. Ho recentemente presentato, quale consigliere di circoscrizione di CasaPound Bolzano, due distinte mozioni per dire chiaramente NO ad altro degrado nel nostro quartiere!" Sezione Oltrisarco - CasaPound Bolzano "La Max" Riprendiamoci Oltrisarco/ Aslago

Servizio di RTTR ALTO ADIGE con intervista al consigliere di #CasaPound #AndreaBonazza, sulla discussa visita al centro di accoglienza Ex-Alimarket "Mi hanno vietato di fotografare le biciclette ma ovviamente ho fotografato le biciclette" Andrea Bonazza

Servizio di Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano sull'incursione di #CasaPound al Lago di Caldaro contro l'apertura dell'ennesimo centro di accoglienza in Provincia, nel comune dell'Oltradige

TCA CasaPound a Lago d Caldaro

Servizio di Alto Adige Tv sull'Incursione di #CasaPound al lago di #Caldaro contro l'imminente apertura di un nuovo centro d'accoglienza nel comune altoatesino I militanti di Cpi a bordo di alcune imbarcazioni hanno acceso fumogeni esponendo uno striscione recante la scritta "basta centri profughi", sotto lo sguardo stupito di centinaia di bagnanti che affollavano il lido. Molti bagnanti e surfisti hanno applaudito all'ennesima iniziativa delle tartarughe frecciate contro il continuo arrivo di immigrati in Alto Adige. #BASTAcentriPROFUGHI #NOsprar #STOPimmigrazione

Incursione al Lago di Caldaro contro nuovo centro profughi

#IMMIGRAZIONE Incursione di #CasaPound oggi al lago di #Caldaro contro l'imminente apertura di un nuovo centro d'accoglienza nel comune altoatesino Bolzano, 18 luglio - Incursione dei militanti di CasaPound oggi al Lago di Caldaro contro l'imminente apertura di un nuovo centro d'accoglienza nel comune altoatesino. I militanti di Cpi a bordo di alcune imbarcazioni hanno acceso fumogeni esponendo uno striscione recante la scritta "basta centri profughi", sotto lo sguardo stupito di centinaia di bagnanti che affollavano il lido. Molti bagnanti e surfisti hanno applaudito all'ennesima iniziativa delle tartarughe frecciate contro il continuo arrivo di immigrati in Alto Adige. #BASTAcentriPROFUGHI #NOsprar #STOPimmigrazione

#IUS_SOLI Servizio di questa sera di Alto Adige TV sulla posizione del consigliere #PD Claudio Della Ratta riguardo la legge sullo ius soli: "La penso come #CasaPound"

Il servizio di RTTR ALTO ADIGE sull'azione di #casapound sull'A22 contro i continui flussi migratori che interessano la nostra provincia

Cpi non vota per Longon

#RESISTENZA #RSI #FOIBE Alcuni stralci dei discorsi del consigliere comunale di #CasaPound Andrea Bonazza sulla delibera per la cittadinanza onoraria al partigiano Manlio Longon che fu il promotore della sparuta resistenza in Alto Adige, impiccato dalla Gestapo nel 1944. "Dopo qualche intervento strappalacrime di area PD, ho ribadito che oggi, a 73 anni di distanza dalla Seconda Guerra Mondiale, devono essere ricordati e rispettati TUTTI i Caduti, sopratutto Coloro che da giovanissimi, per salvare l'onore della Patria, si arruolarono tra le fila della Repubblica Sociale Italiana consci di combattere per una guerra ormai persa, e la cui memoria viene ancora oggi censurata e insultata anche nelle aule istituzionali". CasaPound aveva già espresso al sindaco il proprio disappunto lungo decenni, per essersi visti negare l'intitolazione di una via o una piazza ai Martiri delle foibe dalle precedenti giunte di centrosinistra, ma il sindaco Caramaschi questa sera si è impegnato pubblicamente per dedicare a breve termine una parte della città a questi nostri connazionali, massacrati a decine di migliaia dai partigiani titini nelle terre dell'Istria e della Dalmazia. "Come abbiamo sostenuto innumerevoli volte, alle parole preferiamo i fatti, e in attesa di inaugurare una strada di Bolzano ai Martiri delle foibe e trovare più rispetto per i Caduti che scelsero "la parte sbagliata", in questa occasione ci siamo astenuti". "Alla nostra dichiarazione di astensione alcuni consiglieri di centrosinistra ci hanno invitato a cambiare idea e votare a favore della delibera, anche perché in fase di votazione l'astensione vale come espressione di voto contrario. Abbiamo risposto loro che lo sappiamo in quanto sono state proprio le astensioni della maggioranza ad insegnarci il perché tante nostre mozioni sono state respinte" conclude #Bonazza. Tranne CasaPound, tutto il consiglio comunale, dal centrosinistra alla Lega, dal centrodestra ai 5stelle, ha votato a favore. Anche se tutti NOI NO! #casapound #foibe #bolzano #repubblicasocialeitaliana #resistenza #partigiani #ManlioLongon CasaPound Italia CasaPound Trentino Alto Adige

Il servizio andato in onda su RTTR ALTO ADIGE sulla manifestazione di CasaPound Italia a #Roma contro lo ius soli. In testa al corteo, oltre a Simone Di Stefano anche i consiglieri bolzanini di Cpi Andrea Bonazza, Sandro Trigolo, Andrea Farina, Michael Sini e Massimo Trigolo #NOIUSSOLI

#TABLET al #CONSIGLIO_COMUNALE Alcuni interventi del consigliere di #CasaPound Andrea Bonazza ieri sera nel corso della seduta di consiglio in cui si votavano le modifiche del regolamento dello stesso. La giunta di centrosinistra unitamente al centrodestra, Lega Nord e parte del Movimento 5 Stelle hanno votato comunque per le varie modifiche, tra cui il "regalino" del tablet per tutti i consiglieri. Il gruppo consiliare di Cpi ha ovviamente votato contro e rifiuterà il "regalino".

#DEGRADO #DonBosco Oggi in via Cagliari #CasaPound contro le disgustose condizioni in cui sono costretti a convivere i residenti del quartiere per colpa del Comune, della Seab, dell'assessore Lorenzini e di alcuni cittadini incivili che hanno preso le isole ecologiche per discariche a cielo aperto. Adesso vediamo se la rapida rimozione dello striscione corrisponderà anche con la più rapida rimozione dei rifiuti! "Le tracce del tuo passaggio danno la misura della tua educazione" Andrea Bonazza Sandro Trigolo Michael Sini Riprendiamoci Bolzano. Basta degrado. Riprendiamoci il quartiere DonBosco

#CULTURA La conferenza di presentazione del fumetto su SERGIO RAMELLI svoltasi sabato alla ROCKaFORTE spazio sociale nonconforme

#ELEZIONI Una parte del comizio di #CasaPound a LaSpezia in sostegno alla candidatura a sindaco di Cesare Bruzzi Alieti, con gli interventi dei consiglieri bolzanini Maurizio Puglisi Ghizzi e Andrea Bonazza Forza spezzini, oggi sapete cosa FARE! CasaPound Italia La Spezia

#SICUREZZA Servizio di Rai3 sul presidio notturno spontaneo di residenti e #CasaPound a Parco Schweitzer, per chiedere maggior sicurezza nel quartiere e mettere fine ai continui episodi di violenza e degrado. Anche stasera saremo presenti con gli abitanti della zona per tutelare famiglie e commercianti. Riprendiamoci Europa-Novacella Riprendiamoci Bolzano. Basta degrado. Riprendiamoci il quartiere DonBosco

#SOLIDARIETÀ #Amatrice Servizio di Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano sulla nostra consegna di 2mila euro per il comune di Amatrice al sindaco Sergio Pirozzi con La Salamandra Bolzano - Gruppo Protezione Civile e Andrea Bonazza #terremoto #salamandra #casapound #protezioneCivile #sisma2016

Servizio di Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano sullo striscione de LA FORESTA CHE AVANZA Trentino Alto Adige affisso a Egna contro il circo con animali #Casapound sostiene da sempre la campagna di boicottaggio de La Foresta Che Avanza "Loro non si divertono".

#CULTURA L'intervista a #CarlomannoAdinolfi sul suo ultimo romanzo archeofuturista Il Sole dell'Impero, presentato a maggio alla ROCKaFORTE spazio sociale nonconforme per #CasaPound Il libro potete trovarlo alla libreria della nostra sede centrale in via Cesare Battisti VIII a Bolzano CASAITALIA libreria nonconforme

Identità Sacra

#CULTURA #IMMIGRAZIONE Adriano Scianca, responsabile culturale di CasaPound Italia, ospite alla conferenza nella nostra sezione bolzanina di via Cesare Battisti, ci parla del suo ultimo libro: L'identità sacra - Dèi, popoli e luoghi al tempo della Grande Sostituzione, edito da La Testa di Ferro. Il libro è disponibile presso la nostra libreria in via Cesare Battisti VIII CASAITALIA libreria nonconforme #CasaPound #AdrianoScianca #IdentitàSacra

Bolzano equa e solidale

#COMMERCIO_EQUOeSOLIDALE CasaPound sostiene il commercio equo e solidale ma "coinvolgiamo anche il popolo karen" Bolzano, 10 maggio - Nel corso del lungo dibattito avvenuto ieri sera in municipio a proposito della delibera "Bolzano città equa e solidale", il gruppo consiliare di CasaPound Italia ha votato a favore di questa iniziativa. "Dopo aver precisato energicamente che va sostenuto sopratutto il piccolo commercio di casa nostra e il commercio a chilometro zero - interviene in una nota il capogruppo di CasaPound Andrea Bonazza - abbiamo posto al consiglio comunale le dovute osservazioni in merito a situazioni geopolitiche in continuo mutamento che riguardano il Venezuela e regimi capital-comunisti come la Cina, e che sarà nostro dovere continuare a monitorare al fine di non renderci complici, ma nemici del nuovo schiavismo dei popoli". "Abbiamo poi richiesto che vengano presi in considerazione da questi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile - continua Bonazza - anche quei popoli liberi ma scomodi che lottano quotidianamente per la propria libertà e autodeterminazione come la Siria, in guerra da oltre 5 anni contro il terrorismo islamista, le enclavi serbe del Kosovo e il fiero popolo karen, da 80 anni in lotta per la propria sopravvivenza contro l'oppressione del regime militare narcotrafficante birmano". "Su quest'ultimo scenario - continua la nota - ricordiamo che nonostante i media non ne parlino, le regioni del Myanmar orientale, al confine con la Thailandia sono abitate da popolazioni ancestrali che hanno una loro economia di sussistenza basata prevalentemente sulla produzione agricola. Qui piccole comunità coltivano caffè, arachidi, peperoncino, produzioni che già sono apprezzate in Thailandia e che i commercianti tailandesi acquistano senza passare dalle autorità birmane. Auspichiamo quindi - conclude CasaPound - un incontro con le associazioni locali che promuovono tale lodevole iniziativa, affinché in futuro si possano acquistare e introdurre questi prodotti nel circuito equo solidale, anche nella nostra cttà". Nel video gli interventi dei consiglieri di CasaPound Andrea Bonazza e Maurizio Puglisi Ghizzi

#SANITÀ CasaPound contro i lunghi tempi di attesa all'Ospedale di Bolzano Bolzano, 6 maggio - Questa notte i militanti di CasaPound hanno affisso uno striscione davanti all'Ospedale San Maurizio '11 MESI DI ATTESA PER UNA MAMMOGRAFIA NON È PREVENZIONE MA VERGOGNA' "Il tutto mentre i tempi d’attesa all’ospedale di Bressanone e Brunico sono di una sola settimana ed al Santa Chiara di Trento di un solo mese" - interviene in una nota il consigliere di Cpi in commissione sociale Sandro Trigolo - Il consiglio che l'Asl dà ai cittadini è quello di alzare il telefono e prenotare negli altri ospedali. Resta però da capire come mai Bolzano sia così intasata. Il problema è sempre quello della carenza di personale medico e di collaboratori a fronte di un esame di prevenzione che resta, insieme all’ecografia, fondamentale". "Ricordiamo inoltre - conclude Massimo Trigolo, responsabile del Grimes Trentino Alto Adige, Gruppo Intervento Medicina e Sociale di Cpi - come i carcinomi alla mammella nell’ultimo anno siano aumentati passando da circa 190 casi l’anno agli attuali 233". casapoundbolzano@yahoo.it - http://www.casapounditalia.org

#IMMIGRAZIONE Al Tg3 di questa sera finalmente il sindaco di Bolzano prende posizione sulla questione degli immigrati violenti o dediti alla criminalità presenti nei centri profughi cittadini. Guarda caso il sindaco usa le stesse affermazioni che #CasaPound ripete da anni; ovvero che costa meno espellere e rispedire in patria questi soggetti pericolosi, anziché mantenerli qui, a spese nostre. Ricordiamo che un breve calcolo effettuato dal gruppo consiliare di CasaPound identificò in oltre 200mila euro al mese la spesa del solo centro di accoglienza "ex-Ali market", protagonista di numerosissime risse, aggressioni e molestie alle operatrici, come avvenuto ripetutamente negli ultimi giorni. Invitiamo infine per l'ennesima volta il sindaco Renzo Caramaschi a fare voce grossa con la provincia di Bolzano affinché venga aperto al più presto il Centro di Identificazione ed Espulsione regionale, e affinché il Prefetto e il Ministero degli Interni fermino ogni apertura di altri centri di accoglienza e nuovi arrivi di presunti richiedenti asilo che, di fatto, stanno terrorizzando un intera città. Riprendiamoci Bolzano. Basta degrado.

"Nessuno ha il diritto di obbedire" Lo dicono loro, no?! E noi disobbediamo! #casapound #bolzano #bassorilievo #piffrader #piazza_tribunale #mussolini

#BASSORILIEVO #CasaPound vs #talebani CasaPound occupa la balconata del palazzo degli Uffici Finanziari in piazza Tribunale per protestare contro il deturpamento del bassorilievo di Hans Piffrader L'opera artistica del grande scultore bolzanino verrà deturpata con la frase dell'anarchica Hannah Arendt "nessuno ha il diritto di obbedire" Questo sfregio all'arte e alla storia, voluto dalla Provincia autonoma di Bolzano, verrà compiuto con il benestare del Comune, dello Stato e della sovrintendenza delle Belle Arti, e costerà ai cittadini oltre 200mila euro. "#TALEBANI nemici della storia" Alto Adige Corriere dell'Alto Adige Redazione Tca Bolzano Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano RTTR ALTO ADIGE Il Giorno dell'Alto Adige Il Giornale Libero salto.bz - Fakten und Meinungen, fatti e opinioni Radio NBC Rete Regione Buongiorno Südtirol Il Primato Nazionale

#SPORTCITY #oltrisarco I consiglieri di #CasaPound Andrea Bonazza Massimo Trigolo e Sandro Trigolo mostrano i vari problemi strutturali, burocratici e gestionali della parte di gestione italiana della cittadella dello sport di Maso della Pieve. Dal campo da Hockey alle casette delle associazioni che verranno smantellati, fino ai bagni, ristrutturati grazie alla mozione di Massimo Trigolo, ancora oggi chiusi al pubblico. Ecco cosa propone CasaPound Italia

Foti espulsa da Cpi

Servizio di Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano sull'espulsione di Foti da CasaPound Italia - Ha preteso di essere candidata sindaco al posto di Maurizio Puglisi Ghizzi nonostante fosse entrata in Cpi da soli 2 mesi. - Ha preteso le dimissioni di Sandro Trigolo (700 voti) per entrare lei in consiglio comunale e commissione sociale. - Ha chiesto le dimissione della presidente di circoscrizione Europa per farsi eleggere senza voti e con il parere contrario del movimento. -Ha seminato, sopratutto, il seme della discordia in una comunità militante affiatata e combattiva da sempre. Ma adesso continuiamo a parlare dei problemi seri di questa città, questa provincia, regione e di questa Nazione già troppo colma di arrivisti.

Bonazza contro Lorenzini su centri profughi

#IMMIGRAZIONE L'intervento del consigliere comunale di CasaPound Italia Andrea Bonazza in cui risponde all'assessore Lorenzini dei Verdi (#FECCIA), che ha paragonato i centri profughi italiani con quelli libanesi, giordani o siriani "Lì nessuno si lamenta" ha detto la Lorenzini... "Fate pace col cervello" ha risposto Bonazza... #CasaPound #Bolzano #STOPimmigrazione #Bonazza

TALEBANI Questa mattina in piazza Tribunale #casapound protesta con uno striscione riportante la scritta "TALEBANI! Nemici della storia" in difesa dell'opera di Hans Piffrader L'azione è avvenuta davanti alla commissione per il depotenziamento del bassorilievo, riunitasi in piazza proprio questa mattina La breve intervista ai consiglieri di Cpi Andrea Bonazza e Maurizio Puglisi Ghizzi

Cpi defend ospedale

L'altra sera siamo intervenuti all'ospedale San Maurizio per apporre su ogni barella ed ogni sedia del Pronto Soccorso ed aree limitrofe, un cartello in 4 lingue con la dicitura 'riservato a pazienti e ammalati'. "La situazione del Pronto Soccorso e di numerose altre aree del nosocomio cittadino, prese d'assalto da bivacchi abusivi, ha raggiunto ormai da tempo livelli inaccettabili - afferma in una nota il Consigliere Circoscrizionale di Oltrisarco Massimo Trigolo - aree dove gli ammalati cercano conforto. Ormai da due mesi abbiamo reso pubblica la grave situazione e ci auguriamo che le varie segnalazioni indirizzate all'assessore Stocker, garante provinciale per la sanità e per le politiche sociali, trovino presto accoglimento”. “Confidiamo che venga restituita immediatamente la giusta dignità agli ammalati - continua il consigliere di Casapound - costretti da troppo tempo a sopportare tutto questo per molte ore durante l'attesa, ed ai pazienti ricoverati; a tutto il personale sanitario e non costretto ad operare con la paura per la propria sicurezza; ed a tutti questi 'non ammalati' che venga garantita una sistemazione in una delle svariate strutture già presenti sul territorio, ma sicuramente non all'Ospedale" conclude la nota. casapoundbolzano@yahoo.it http://www.casapounditalia.org

VB33 Su Cpi all'ospedale

#DEGRADO #SANITA' Servizio di Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano sull'azione di #CasaPound contro i dormitori abusivi all'ospedale San Maurizio

#DORMITORIO #OSPEDALE CasaPound interviene per restituire l'Ospedale di Bolzano agli ammalati Bolzano, 13 marzo - ieri sera gli attivisti di CasaPound, chiamati da pazienti esasperati, hanno apposto su ogni barella ed ogni sedia del Pronto Soccorso ed aree limitrofe, un cartello in 4 lingue con la dicitura 'riservato a pazienti e ammalati'. "La situazione del Pronto Soccorso e di numerose altre aree del nosocomio cittadino, prese d'assalto da bivacchi abusivi, ha raggiunto ormai da tempo livelli inaccettabili - afferma in una nota il Consigliere Circoscrizionale di Oltrisarco Massimo Trigolo - aree dove gli ammalati cercano conforto. Ormai da due mesi abbiamo reso pubblica la grave situazione e ci auguriamo che le varie segnalazioni indirizzate all'assessore Stocker, garante provinciale per la sanità e per le politiche sociali, trovino presto accoglimento. Confidiamo che venga restituita immediatamente la giusta dignità agli ammalati, costretti da troppo tempo a sopportare tutto questo per molte ore durante l'attesa, ed ai pazienti ricoverati; a tutto il personale sanitario e non costretto ad operare con la paura per la propria sicurezza; ed a tutti questi 'non ammalati' che venga garantita una sistemazione in una delle svariate strutture già presenti sul territorio, ma sicuramente non all'Ospedale" conclude la nota. casapoundbolzano@yahoo.it http://www.casapounditalia.org #CasaPound

#DEGRADO #OSPEDALE Adesso al Pronto Soccorso dell'Ospedale Regionale San Maurizio di Bolzano, una cinquantina di attivisti di #CasaPound distribuiscono su barelle e posti d'attesa, biglietti esplicativi in quattro lingue con la dicitura "Riservato per pazienti e malati", contro il "dormitorio abusivo" San Maurizio. Riprendiamoci Bolzano. Basta degrado.

Bonazza vs Lorenzini alla colonia felina Druso

#ColoniaFelina Il divertente siparietto tra il consigliere di #Casapound Andrea Bonazza e l'assessore dei Verdi Lorenzini che pretendeva la paternità del progetto della nuova colonia felina Druso, proposta il 6 ottobre 2016 dal gruppo consiliare di Cpi per conto de LA FORESTA CHE AVANZA Trentino Alto Adige e Homeless Pets Bolzano #laforestacheavanza http://www.laforestacheavanza.org

#FOIBE Il Presente in onore ai Martiri delle foibe, ieri sera, alla stele posta in ricordo degli esuli istriani, sulle passeggiate di via Fiume. #iononscordo #casapound #10febbraio

#DEGRADO #IPES #DONBOSCO GARAGE IPES OCCUPATO ABUSIVAMENTE DA IMMIGRATI IN VIALE EUROPA Stabile Ipes che vai bivacco che trovi. Non è uno slogan ma la realtà. Siamo stati avvisati da alcuni condomini del civico 174 di viale Europa, i quali esasperati ci hanno mostrato la situazione. Un bivacco abusivo all'interno di un garage sfitto, sporcizia ovunque e telefoni di dubbi provenienza. Inoltre questi abusivi per facilitare la loro entrata nei garage hanno sradicato i cavi del cancello d'entrata rompendolo. Invitiamo i vertici Ipes, dato che il tempo per le denunce lo trovano, ad usare lo stesso per risolvere anche questo problema. Michael Sini Consigliere #CasaPound Circoscrizione Don Bosco Riprendiamoci il quartiere DonBosco Riprendiamoci Bolzano. Basta degrado.

CasaPound contro l'IPES a Don Bosco

#IPES #DEGRADO #DONBOSCO L'intervista del coordinatore regionale di Cpi Andrea Bonazza a Il Giorno dell'Alto Adige, sulla denuncia che il direttore dell'ente per l'edilizia sociale ha fatto a #CasaPound per violazione di proprietà privata, dopo che l'altra notte i militanti del movimento hanno fatto irruzione nei tunnel del quartiere Don Bosco per denunciarne la situazione di degrado e pericolo CasaPound risponde invitando gli inquilini a denunciare i vertici IPES per il fatto che l'ente, per primo, ha infranto il proprio regolamento a danno dei residenti Riprendiamoci il quartiere DonBosco CasaPound Italia

#DEGRADO #IPES #DONBOSCO L'ennesimo insediamento abusivo nei sotterranei del quartiere Don Bosco, scoperto questa notte dagli attivisti di #CasaPound Furto di energia elettrica, merce rubata, ammoniaca e stagnole per l'eroina e ancora braci di falò sotto i condomini ipes tra via Sassari e via Genova Riprendiamoci il quartiere DonBosco Riprendiamoci Bolzano. Basta degrado. Michael Sini Andrea Bonazza

#DEGRADO #IPES #DONBOSCO Durante l'ispezione notturna dei militanti di #CasaPound nei sotterranei #IPES del quartiere Don Bosco, tra via Parma e via Palermo, sono state trovate decine di metri di tubature utilizzate dagli abusivi che bivaccano nei tunnel per riscaldarsi, scoperte dalla propria isolazione, con i relativi problemi di dispersione di calore. Riprendiamoci il quartiere DonBosco Riprendiamoci Bolzano. Basta degrado.

#DEGRADO #SICUREZZA Questa notte gli attivisti di #CasaPound hanno perlustrato i tunnel sotterranei dei condomini IPES tra via Bari e via Cagliari, durante il giro settimanale per la sicurezza del quartiere Don Bosco. Trovati una decina di bivacchi abusivi, refurtiva, resti di falò, feci e immondizia di ogni genere, oltre ad un infinità di stagnole e materiale per il consumo di eroina. I ragazzi di Cpi hanno messo in fuga anche alcuni tossicodipendenti stranieri, beccati a scaldarsi le dosi. Nell'arco della giornata seguirà documentazione dettagliata. Michael Sini Andrea Bonazza Riprendiamoci il quartiere DonBosco Riprendiamoci Bolzano. Basta degrado.

Invitiamo l'assessorE Lorenzini dei Verdi a raccogliere questa #FECCIA!

#FECCIA parcheggio stazione

Questo è quanto hanno trovato al termine del consiglio comunale di questa sera, i consiglieri di #CasaPound Sandro Trigolo e Andrea Bonazza, al parcheggio dei giardini della stazione... #FECCIA!

TCA #FECCIA

#FECCIA Servizio di Alto Adige TV sulla bagarre in consiglio comunale tra il consigliere di #casapound Andrea Bonazza e l'assessore dei Verdi Lorenzini.

#FECCIA Bonazza contro Lorenzini su zona stazione

#FECCIA L'intervento di Andrea Bonazza in consiglio comunale, dove ho chiamato #FECCIA tutti quei soggetti che bivaccano al parco della stazione di Bolzano e che quotidianamente leggiamo sui giornali per furti, scippi, aggressioni, spaccio e ogni altro episodio di inciviltà. Ne è uscita una vera e propria rissa verbale tra il consigliere di #CasaPound e alcuni esponenti della sinistra, come l'assessore dei Verdi Lorenzini.

Vi riproponiamo il video con il consigliere di circoscrizione Don Bosco Michael Sini e il turista rimasto ferito durante il "placcaggio" del consigliere di #casapound al'immigrato clandestino in fuga. Ricordiamo che, grazie all'intervento dell'attivista di Cpi, alcuni giorni fa il clandestino irregolare è stato espulso dal territorio italiano.

Vittoria di Cpi al processo Thun (RTTR)

Servizio di #RTTR sulla vittoria di #CasaPound al processo contro la #Thun

Servizio di La7 su #CasaPound #Bolzano andato in onda pochi mesi fa Andrea Bonazza Maurizio Puglisi Ghizzi

Eliminazione dell'IVA dalle tariffe sui rifiuti #CasaPound ha votato ovviamente a favore! #PD #SVP #Verdi #Gennaccaro e Lista #Civica #Caramaschi hanno votato contro. Adesso sapete con chi prendervela!

Bonazza su autobus e sicurezza

#AUTOBUS e #SICUREZZA: L'intervento del consigliere comunale Andrea Bonazza in cui risponde all'assessore verde Lorenzini che vorrebbe una città senza auto, dove i bolzanini usano solo biciclette e mezzi pubblici "Da ecologista sarei anche d'accordo, ma di questi tempi e proprio grazie al centrosinistra e alle sue 'risorse', non penso sia il caso di lasciare donne, bambini e anziani ad aspettare più di mezz'ora un autobus nelle vicinanze di un centro profghi o di un altro luogo a rischio per i cittadini"

Bonazza su Strade Sicure e intervento Esercito

#STRADE_SICURE: L'intervento del consigliere di #CasaPound Andrea Bonazza sulla mozione "operazione strade sicure", in cui si richiede l'intervento dell'#Esercito_Italiano per presidiare i punti più sensibili della città, così da combattere maggiormente #degrado e #criminalità. "Un soldato italiano con esperienze militari in paesi come Afghanistan, Iraq, Kosovo, etc, potrebbe essere il #mediatore_culturale più efficace per fronteggiare gli #immigrati provenienti da quei paesi". Purtroppo, a causa dei troppi assenti e astenuti che non hanno avuto le palle di prendere una decisione chiara in merito, la mozione è stata bocciata. Voi però cosa ne pensate?

#CASAPOUND continua ad aprire spazi in città!

#SEDI #POLITICA #BOLZANO: Mentre tutti i partiti (dai comunisti, a PD, SVP e centrodestra) chiudono le proprie sedi per debiti, mancanza di attivisti e ruberie varie... #CASAPOUND continua ad aprire spazi in città!

Puglisi Ghizzi sui parcheggi per i #disabili

#DISABILI: L'ultimo intervento di Maurizio Puglisi Ghizzi in consiglio comunale, a favore della proposta di installare una segnaletica apposita che avverta maggiormente della presenza di parcheggi destinati a cittadini con disabilità, anziché proporre la solita campagna pubblicitaria mediante mass media che andrebbe ad arricchire le solite imprese locali, già abbondantemente finanziate. Impavidi Destini Trentinoaltoadige

Bonazza contro giunta e Verdi sull'immigrazione

Il duro intervento del #consigliere Andrea Bonazza di #CasaPound sull'incarico di portavoce per le politiche sull'#immigrazione alla consigliera dei #Verdi Rabini

Trigolo sul cimitero militare italiano

L'intervento di Sandro Trigolo in #consiglio_comunale, in cui chiede che per le celebrazioni del 4 Novembre, in ricordo e rispetto dei Caduti, venga sistemato e ripulito il cimitero militare italiano di San Giacomo. #casapound #Bolzano #italiani_in_trincea

Sfratto disabile da casa IPES - CasaPound sollecita il Distretto Sociale ad intervenire subito Bolzano, 18 ottobre - Un provvedimento di sfratto è stato eseguito ieri mattina alle ore 11:00 su mandato dell'ufficiale giudiziario, per conto dell'IPES, nei confronti di un cittadino disabile con gravissimi motivi di salute e con una percentuale invalidante del 86%. L'inquilino Ipes rischia di finire su una strada per una mancata comunicazione tra enti pubblici. Questa mattina la Consigliera di Circoscrizione Europa Novacella Caterina Foti si è rivolta al distretto sociale Don Bosco al fine di trovare una soluzione per questa persona provata già dalla malattia e da una grave situazione famigliare. La mancata comunicazione tra Ipes e distretto ha prodotto purtroppo il risultato di ieri presso l'abitazione del disabile e cioè lo sfratto. Nell'abitazione ieri erano prontamente intervenuti i Consiglieri Comunali Andrea Bonazza e Sandro Trigolo, unitamente ad una ventina di militanti di CasaPound, con il fine di fermare lo sgombero in atto e riuscendo momentaneamente nell'obiettivo . Questa mattina Foti ha ribadito più volte alla direttrice del distretto "la necessità urgentissima di trovare un'immediata soluzione al caso che rischia di vedere un nostro concittadino sbattuto in una situazione di disagio sociale, in mezzo a una strada o in una stanza con l'uso comune degli spazi con altri ospiti". La Consigliera Foti è intenzionata ad andare a fondo della questione, facendo ricercare nel contesto della situazione i responsabili della mancata comunicazione tra enti pubblici e si riserva di presentare un esposto nelle sedi opportune; comunicazioni che sono indispensabili perchè non accadano più cose di questo genere e si riescano ad evitare sfratti erroneamente voluti. L'impegno preso dal distretto sociale è quello di contattare i vertici Ipes e trovare una soluzione veloce in quanto i tempi stringono. "Rimaniamo in attesa di una comunicazione della Direttrice del distretto sociale Don Bosco - conclude la consigliera di Cpi - e procederemo in base a quanto ci verrà comunicato".

RTTR su denuncia Cpi vs CasaHaus

Servizio di RTTR ALTO ADIGE sulla denuncia di #CasaPound riguardo le negligenze gestionali della cooperativa sociale Casa Haus, per le quali rischiano lo sfratto alcuni cittadini. Bolzano, 29 settembre - Alla conferenza stampa di questa mattina indetta da CasaPound, il movimento delle tartarughe frecciate ha denunciato l'ennesimo scandalo legato alle cooperative sociali. Nel mirino di Cpi questa volta troviamo CasaHaus, una cooperativa sociale che riceve contributi da Provincia ed enti pubblici, colpevole di aver agito con negligenza finanziaria, tanto da causare lo sfratto di alcuni cittadini in difficoltà economica. "Già dal 2014 - interviene in una nota la consigliera di Circoscrizione Caterina Foti - c'erano stati problemi anche di natura economica, ma solo nel 2016 la cooperativa è stata commissariata dal vicepresidente della Provincia Christian Tommasini. L'attuale Commissario per Casa Haus è Filippo Spadafora, membro di Confidi, istituto che si occupa di controllo credito e bilanci ma, ad oggi, ancora non è pervenuta la situazione della cooperativa in questione". "Il Presidente di Casa Haus, attualmente sospeso, è Maurizio Rocco Moretti, ex consigliere comunale di centrosinistra dal 2000 al 2005 - continua la nota - Inoltre, nel direttivo di Confidi, troviamo anche Vittorio Repetto, parente del noto assessore alle politiche sociali del Comune di Bolzano". "CasaPound chiede il perché non si siano fatti prima questi controlli, sia ordinari che straordinari, previsti dalla legge e, soprattutto, quale sarà il futuro di questi cittadini che, già in difficoltà lavorativa, stanno rischiando lo sfratto dalle abitazioni ottenute mediante questi strani giochetti di Casa-Haus" conclude la nota. http://www.casapounditalia.org casapoundbolzano@yahoo.it

Cpi denuncia scandalo CasaHaus (VB33)

La conferenza di questa mattina nella nostra sede di via Cesare Battisti Commissariamento di Casa Haus: per CasaPound il provvedimento è tardivo Servizio di Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano #alloggisociali #casapound #casahaus

Cpi denuncia scandalo CasaHaus (RTTR)

Sfrattati gli inquilini che vivono negli alloggi di privati gestiti dalla #CasaHaus ora commissariata. La denuncia di #CasaPound: le irregolarità erano note da tempo Servizio di RTTR ALTO ADIGE

Bonazza di Cpi contro l'immigrazione e il PD

L'intervento in consiglio comunale a Bolzano del consigliere di CasaPound Andrea Bonazza che attacca duramente il modello di #immigrazione disordinato, tanto difeso dalla sinistra. "#CasaPound e i cittadini di #Bolzano pretendono di sapere quanti di questi richiedenti asilo, siano essi in "quota" o "fuori quota", si sono macchiati di reati e quanti di essi continuano a delinquere ancora oggi a spese nostre". Durante l'intervento #Bonazza risponde ai consiglieri Randi e Andriollo del #PD definendo "FREGNACCE" gli insegnamenti dei "padri fondatori del dopoguerra che parlavano di pace e umanità". Da vedere!

Nuova irruzione all'ex scuola St Joseph di Oltrisarco Bolzano, 6 settembre - A un anno e due mesi dall'occupazione di CasaPound all'ex scuola St. Joseph, che era divenuta luogo di spaccio e bivacco per immigrati, oggi i militanti della tartaruga frecciata hanno scoperto una nuova irruzione nell'edificio di proprietà dell'IPES. "Se l'ente per l'edilizia sociale non dovesse prendere provvedimenti al più presto - interviene il consigliere comunale Sandro Trigolo - siamo pronti ad una nuova azione di forza per tutelare i residenti della zona dagli innumerevoli episodi di degrado e inciviltà verificatisi in passato". "Ci teniamo inoltre a ricordare alla direttrice della Ripartizione Alloggi & Inquilinato Dott.ssa Barbara Tschenett, nostra vecchia conoscenza e anch'essa residente del quartiere - prosegue il coordinatore regionale di Cpi Andrea Bonazza - che i cittadini di Oltrisarco ancora attendono la demolizione di questo edificio, per far posto alla costruzione di 55 alloggi popolari, sicuramente molto più utili degli insediamenti clandestini di immigrati e malviventi" conclude la nota.

Cpi contro chiusura al traffico di via Torino

Servizio di Redazione Tca Bolzano, con intervista alla consigliera di circoscrizione Cpi Caterina Foti, sulla chiusura al traffico di via Torino proposta dalla giunta comunale di centrosinistra.

CasaPound a Casanova contro furti e degrado

Servizio di RTTR ALTO ADIGE sulla nostra protesta di ieri, al fianco dei residenti di Casanova, per chiedere maggior sicurezza nel quartiere dopo una lunga serie di furti e episodi di criminalità. #casapound #bolzano #casanova #riprendiamocibolzano #bastadegrado

Lavoro: ancora ingiustizie a Bolzano - Foti: rispettate le leg...

Lavoro: ancora ingiustizie a Bolzano - Foti: rispettate le leggi sull'invalidità Bolzano, 8 agosto 2016 - CasaPound interviene ancora sull'ennesimo caso d'ingiustizia nei confronti di una cittadina Italiana. Maria, così la chiameremo per motivi di privacy e dignità, più volte si era rivolta ai servizi sociali di Bolzano, esattamente al distretto sociale Don Bosco. "Maria, che da poco ha vinto una difficile battaglia con un tumore, rientra nelle categorie protette - interviene in una nota la consigliera di CasaPound a Europa Novacella Caterina Foti - ma nonostante la legge preveda l'occupazione di un lavoro, da tre anni non è stata mai chiamata. Nei mesi scorsi le è stato negato il sussidio economico e non ricevendo alcun aiuto, sarebbe stata sfrattata in poco tempo. "Dopo il nostro intervento e dopo aver avuto un colloquio con il distretto- conclude Foti - siamo riusciti ad ottenere un sussidio per Maria evitandole lo sfratto".

via Torino interviste ai commercianti

Bolzano - Chiudere al traffico via Torino? Per CasaPound è l'ennesima pazzia di questa giunta Bolzano, 6 agosto - CasaPound risponde alla proposta della giunta di chiudere al traffico via Torino. "Apprendiamo oggi dai quotidiani che la nuova giunta comunale, e più precisamente il neo sindaco Caramaschi e l'assessore all'ambiente Maria Laura Lorenzini, in questa giornata di sole d'agosto avrebbero partorito un idea a dir poco stupida: Chiudere al traffico via Torino - interviene in una nota la consigliera Cpi di Europa Novacella Caterina Foti - La giustificazione a questa pazzia sarebbe il voler incrementare il lavoro dei commercianti e quindi il via vai delle persone. Ora però qualcosa non mi torna: 1) Come si può aumentare qualcosa limitandola? 2 )Se dovesse piovere, come pensano questo signori di risolvere l'incremento del traffico che si concentrerebbe in un unica direzione, essendo Europa Novacella il Ponte verso il centro per i residenti di Don Bosco, che ricordo essere il quartiere più popoloso della città?" "Ma c'è di peggio - continua Foti - questa proposta era stata già fatta nella scorsa legislatura in circoscrizione dall'associazione Lab Bz, esattamente nelle vesti del signor Oberrauch Berarhd, il quale esponeva il suo progetto, bocciato per altro da tutti i consiglieri di Don Bosco e Europa Novacella; ma ecco che molto democraticamente Caramaschi e la Lorenzini, per vie traverse, fregandosene dell'opinione dei consiglieri di quartiere e quindi delle istituzioni, ma soprattutto del parere dei cittadini, vanno avanti per questa assurda strada". "Bisogna evitare - conclude la consigliera di Europa Novacella - che i due signori in questione facciano ulteriori danni in quartieri già messi in ginocchio da una crisi economica devastante". Ecco alcune testimonianze dei commercianti di Via Torino. casapoundbolzano@yahoo.it http://www.casapounditalia.org

Bolzano - Chiudere al traffico via Torino? Per CasaPound è l'ennesima pazzia di questa giunta Bolzano, 6 agosto - CasaPound risponde alla proposta della giunta di chiudere al traffico via Torino. "Apprendiamo oggi dai quotidiani che la nuova giunta comunale, e più precisamente il neo sindaco Caramaschi e l'assessore all'ambiente Maria Laura Lorenzini, in questa giornata di sole d'agosto avrebbero partorito un idea a dir poco stupida: Chiudere al traffico via Torino - interviene in una nota la consigliera Cpi di Europa Novacella Caterina Foti - La giustificazione a questa pazzia sarebbe il voler incrementare il lavoro dei commercianti e quindi il via vai delle persone. Ora però qualcosa non mi torna: 1) Come si può aumentare qualcosa limitandola? 2 )Se dovesse piovere, come pensano questo signori di risolvere l'incremento del traffico che si concentrerebbe in un unica direzione, essendo Europa Novacella il Ponte verso il centro per i residenti di Don Bosco, che ricordo essere il quartiere più popoloso della città?" "Ma c'è di peggio - continua Foti - questa proposta era stata già fatta nella scorsa legislatura in circoscrizione dall'associazione Lab Bz, esattamente nelle vesti del signor Oberrauch Berarhd, il quale esponeva il suo progetto, bocciato per altro da tutti i consiglieri di Don Bosco e Europa Novacella; ma ecco che molto democraticamente Caramaschi e la Lorenzini, per vie traverse, fregandosene dell'opinione dei consiglieri di quartiere e quindi delle istituzioni, ma soprattutto del parere dei cittadini, vanno avanti per questa assurda strada". "Bisogna evitare - conclude la consigliera di Europa Novacella - che i due signori in questione facciano ulteriori danni in quartieri già messi in ginocchio da una crisi economica devastante". Ecco alcune testimonianze dei commercianti di Via Torino. casapoundbolzano@yahoo.it http://www.casapounditalia.org

Bolzano - Chiudere al traffico via Torino? Per CasaPound è l'ennesima pazzia di questa giunta Bolzano, 6 agosto - CasaPound risponde alla proposta della giunta di chiudere al traffico via Torino. "Apprendiamo oggi dai quotidiani che la nuova giunta comunale, e più precisamente il neo sindaco Caramaschi e l'assessore all'ambiente Maria Laura Lorenzini, in questa giornata di sole d'agosto avrebbero partorito un idea a dir poco stupida: Chiudere al traffico via Torino - interviene in una nota la consigliera Cpi di Europa Novacella Caterina Foti - La giustificazione a questa pazzia sarebbe il voler incrementare il lavoro dei commercianti e quindi il via vai delle persone. Ora però qualcosa non mi torna: 1) Come si può aumentare qualcosa limitandola? 2 )Se dovesse piovere, come pensano questo signori di risolvere l'incremento del traffico che si concentrerebbe in un unica direzione, essendo Europa Novacella il Ponte verso il centro per i residenti di Don Bosco, che ricordo essere il quartiere più popoloso della città?" "Ma c'è di peggio - continua Foti - questa proposta era stata già fatta nella scorsa legislatura in circoscrizione dall'associazione Lab Bz, esattamente nelle vesti del signor Oberrauch Berarhd, il quale esponeva il suo progetto, bocciato per altro da tutti i consiglieri di Don Bosco e Europa Novacella; ma ecco che molto democraticamente Caramaschi e la Lorenzini, per vie traverse, fregandosene dell'opinione dei consiglieri di quartiere e quindi delle istituzioni, ma soprattutto del parere dei cittadini, vanno avanti per questa assurda strada". "Bisogna evitare - conclude la consigliera di Europa Novacella - che i due signori in questione facciano ulteriori danni in quartieri già messi in ginocchio da una crisi economica devastante". Ecco alcune testimonianze dei commercianti di Via Torino. casapoundbolzano@yahoo.it http://www.casapounditalia.org

Finita a lieto fine, ieri, la storia di Marcel, giovane europeo in cerca di lavoro in Italia, rimasto bloccato senza soldi a Bolzano. Per lui non c'è stata nessuna solidarietà da parte delle note associazioni caritatevoli locali. Dopo l'intervento del consigliere Sandro Trigolo e sopratutto grazie ai bolzanini che si sono attivati in seguito al nostro appello di ieri mattina, Marcel ha potuto fare finalmente ritorno a casa sua in Germania.

Bonazza su commissione Protezione Civile

Il duro intervento del consigliere di #CasaPound Andrea Bonazza, sul veto imposto dalla maggioranza centrosinistra + SVP, per la presidenza della commissione Lavori Pubblici e Protezione Civile a Cpi. #Bonazza tiene poi a precisare che all'interno della maggioranza, così come dell'opposizione, ci sono alcune persone che stima sul piano della solidarietà e dell'impegno civile.

Servizio di Tca sulla risposta della consigliera Cpi del quartiere Europa Novacella alle polemiche sulla presidenza del consiglio di circoscrizione.

Scintille Foti-Gennaccaro su Europa Novacella

Servizio di RTTR sulle polemiche per la presidenza della circoscrizione Europa Novacella. "Per la presidenza del consiglio di circoscrizione Europa Novacella nessun nome era stato fatto dall'opposizione, dato che alla votazione e alla proposta non siamo nemmeno riusciti ad arrivarci. Ribadisco che il modo di eleggere il presidente, domani sera, è illegittimo dato che non è stata eseguita la procedura prevista da regolamento. NON parteciperò a questo teatrino delle marionette fino a quando non verrà fatta chiarezza sul regolamento che presenta molte lacune. E' questo modo di operare a non essere corretto, è sleale, sbagliato e anti-democratico. Io ho la responsabilità di far rispettare la volontà di chi in questo quartiere ci ha voluto rappresentativi. E ricordo ancora una volta che nella circoscrizione Europa Novacella, l'opposizione ha ottenuto 3.745 contro i 3.104 della maggioranza". Caterina Foti #RiprendiamociEuropaNovacella #CasaPound

La risposta del consigliere comunale di CasaPound Andrea Bonazza, alle polemiche del centrodestra bolzanino Servizio di Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano

La conferenza stampa di ieri in Municipio a Bolzano dove il sindaco Caramaschi (#centrosinistra) e il vicesindaco Baur (#Svp) plaudono all'operato di #CasaPound nei quartieri e in consiglio comunale.

CasaPound riqualifica cimitero militare di San Giacomo

Servizio di Redazione Tca Bolzano sulla risistemazione del cimitero militare di San Giacomo, ad opera dei militanti di #CasaPound

Dopo le segnalazioni per lo stato di abbandono del cimitero militare di San Giacomo, oggi i militanti di CasaPound Bolzano hanno tagliato l'erba, estirpato le erbacce e pulito le lapidi degli eroi italiani della prima e della seconda guerra mondiale. #italianiintrincea #casapound

L'intervista al consigliere Andrea Bonazza sull'astensione di #CasaPound durante il voto al programma della nuova giunta comunale di #Bolzano "Vi spiego perché ieri sera il gruppo consiliare di CasaPound si è astenuto al voto per la fiducia al programma della giunta comunale: Ci siamo astenuti perché il programma della giunta ci è stato consegnato solo 24 ore prima della votazione e, quindi, non abbiamo avuto il tempo non di leggerlo, ma di studiarlo. Ci siamo astenuti perché, nonostante i nuovi componenti della giunta, tra i banchi dell'aula ancora troviamo tanti colpevoli del vecchio disastro bolzanino. Ci siamo astenuti perché, nonostante ci siano diversi punti condivisibili all'interno del programma, ce ne sono altri che ci trovano in netta opposizione o che comunque sarebbero da correggere, migliorare o aggiungere. Ci siamo astenuti perché, nonostante si sia ripetutamente parlato di sicurezza, non abbiamo trovato finora nessuna proposta realmente efficace per contrastare il problema degrado e immigrazione. Ci siamo astenuti perché non diciamo si o no a prescindere. Perché ci sentiamo orfani della destra come della sinistra, per non parlare poi di un centro a cui siamo da sempre biologicamente allergici. Ci siamo astenuti perché, per nostra natura, vogliamo ragionare su ogni questione prima di prendere una qualsiasi posizione. E non ci è stato concesso ne il tempo ne la chiarezza per esprimere la decisione di un voto che fosse realmente convinto. Lasciamo quindi ad altri i grandi discorsi, calcoli e teatrini di una campagna elettorale finalmente conclusa, e ci concentriamo sui campi di battaglia che più ci interessano: la strada. I quartieri. La città. Senza pregiudizi, almeno noi... Ma con la convinzione di lottare per battaglie giuste per il nostro popolo, con la presunzione "immatura" di chi se ne frega dei giochini delle regole democratiche." Andrea Bonazza

Servizio di Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano sulla risposta "hawaiana" di #CasaPound alle polemiche montate da stampa e politica per la così detta "marcia su Bolzano"

Servizio del TgR di Rai3 sulla nostra conferenza relativa al referendum sull'ampliamento dell'aeroporto di Bolzano. #casapound #bolzano #referendum #aeroporto

CasaPound risponde all'Anpi

Servizio di Video33 sulle polemiche tra #ANPI, #sinistra e #CasaPound per la così detta "marcia su Bolzano". Nel video, intervista al consigliere comunale di Cpi Maurizio Puglisi Ghizzi

Botta e risposta tra Anpi e CasaPound sulla "marcia su Bolzano"

Le deliranti polemiche dell'#Anpi per la così detta "marcia su Bolzano" e la risposta del consigliere comunale di #CasaPound Maurizio Puglisi Ghizzi

Dopo una segnalazione dei residenti, ieri, i militanti di CasaPound con il consigliere Sandro Trigolo, hanno ripulito l'ennesimo garage IPES, in via Cagliari, da sporcizia e siringhe. http://www.casapounditalia.org casapoundbolzano@yahoo.it #casapound #bastadegrado #riprendiamociBolzano #riprendiamociDonBosco

Simone Di Stefano parla di Bolzano alla manifestazione nazionale di CasaPound Italia a Roma

Confronto tra CasaPound e Caramaschi

I consiglieri di CasaPound Andrea Bonazza e Maurizio Puglisi Ghizzi, si sono confrontati oggi con il neo sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi sui punti programmatici per migliorare la città. I punti discussi maggiormente sono stati: sociale, commercio di vicinato, sport, cultura, lavoro, rifiuti e tagli alla burocrazia. Purtroppo il neo sindaco ha sviato il tema riguardante l'immigrazione e il degrado ad essa connesso.

Bonifica siringhe

Passati soltanto 2 giorni dalle elezioni, i ragazzi di CasaPound tornano in una delle zone più degradate della città, il parcheggio del parco della Sazione, per bonificare dalle siringhe infette. Questa volta portando anche la troupe di Agorà di Rai3.

Il servizio di Agorà di Rai3 su CasaPound, andato in onda questa mattina

Degrado in piazza Vittoria

Servizio di RTTR sul degrado al parco di piazza della Vittoria, con breve intervista al consigliere di circoscrizione Mirko Gasperi. Via questa gente che non ha rispetto per storia, bene pubblico, famiglie e residenti!

Il candidato sindaco di CasaPound Bolzano, Maurizio Puglisi Ghizzi, ospite ieri a Radio NBC per lo speciale elezioni #Bolzano2016 A Bolzano serve un sindaco di CasaPound. Eccolo!

Bonazza, intervento su Rai3 regionale

Il coordinatore regionale di Cpi Andrea Bonazza ospite ieri sera su Rai3 regionale speciale elezioni "Inutile dire che avrei preferito altre domande ma... Forse qualcuno ancora non si è accorto delle gravi situazioni in cui versa la nostra città..." #tusaicosaFARE #CasaPound #Bolzano2016

Video girato sabato nel quartiere Casanova, in cui pochi giorni fa i residenti hanno assistito all'ennesimo episodio di prepotenza da parte di una baby gang che ha aggredito un bambino rubandogli il cagnolino che aveva con sè. Nel filmato interviste alla mamma di una delle giovanissime vittime e agli esponenti di CasaPound Sandro Trigolo, Davide Brancaglion e Michael Sini, decisi a presentare alle istituzioni la proposta radicale di togliere l'alloggio popolare alle famiglie, 90% straniere, che non sono in grado di educare i figli al rispetto delle regole. http://www.casapounditalia.org - casapoundbolzano@yahoo.it #Casanovanonèilbronx #riprendiamociDonBosco #riprendiamociBolzano

Il confronto/scontro organizzato dal circolo della stampa, tra il fazioso blogger antifascista (non è giornalista) Gabriele Di Luca e il candidato sindaco di CasaPound Bolzano Maurizio Puglisi Ghizzi A voi i commenti...

Bolzano: Decine di invalidi senza lavoro - CasaPound denuncia ingiustizie nelle categorie protette Bolzano, 30 aprile - Nella conferenza stampa di oggi indetta da CasaPound in via Cesare Battisti, il movimento politico delle tartarughe frecciate ha esposto la situazione che vivono decine di cittadini con invalidità fisica. "E' una situazione gravissima che, per decine di cittadini, si prolunga da troppi anni e riguarda un numero sempre maggiore di invalidi - denuncia la sindacalista Caterina Foti - Esiste una legge, la 68/99, che impegna la Provincia di Bolzano ad assumere, nel pubblico o nel privato, persone affette da invalidità riconosciuta dall'INPS, che rientrano nelle così dette categorie protette. Questa legge a tutela delle fasce più deboli, viene ogni giorno calpestata da una non chiara graduatoria provinciale che, a causa di lungaggini burocratiche, clientelismo o malagestione del bene pubblico, sta ostacolando le assunzioni di italiani a cui per diritto, spetterebbe un posto di lavoro. Nei prossimi giorni - conclude Foti - chiederemo alla Procura della Repubblica di procedere con indagini in merito per fare chiarezza sull'intera questione". Di seguito riportiamo ciò che è stato esposto da Caterina Foti nel corso della conferenza stampa di CasaPound: La legge 68/99 punta all’inserimento e all’integrazione lavorativa delle persone disabili. La Legge del cosiddetto collocamento obbligatorio. Questa Legge serve per garantire il diritto al lavoro attraverso un collocamento mirato. Questa Legge dà la possibilità di inserimento lavorativo mirato parte da chi ha un 45% di invalidità confermata dall’Inps. Gli enti pubblici sono obbligati ad assumere alle loro dipendenze una quota pari al 7% dei lavoratori occupati, pena di queste assunzioni ammende altissime. Trascorsi 60 giorni dalla data in cui insorge l’obbligo di assumere soggetti appartenenti alle categorie protette, per ogni giorno lavorativo durante il quale risulti non coperta per cause imputabili al datore di lavoro, la quota dell’obbligo, il datore di lavoro stesso e tenuto al versamento, a titolo di sanzione amministrativa, al Fondo di una somma al giorno per ciascun lavoratore disabile che risulta non occupato nella medesima giornata. E adesso veniamo a noi: Dopo le decine di segnalazioni di persone che “dovrebbero” essere assunte obbligatoriamente in base alle legge68/99 due delle quali in quest’ intervista sono da anni che combattono contro questa burocrazia che dovrebbe aiutarle e invece sono diventate per loro i peggiori nemici. In Provincia c’è un ufficio preposto che vede sempre la nostra assessora Stoker mia vecchia conoscenza di far valere i diritti di queste persone ma purtroppo non accade tutto ciò. A una di queste persone che vedrete in questa intervista sono stati proposti colloqui e non assunzioni che andavano contro a quella che è la sua patologia grazie alla quale ha avuto l’invalidità…Ora mi chiedo io… Ma questi uffici non dovrebbero trovare un lavoro mirato? Andata ai colloqui la signora in questione doveva fare una selezione per essere assunta, quindi se per esempio tu non eri simpatico al datore di lavoro o eri bionda piuttosto che mora non venivi assunta, oppure viene da pensare che non aveva le conoscenze giuste oppure che era semplicemente italiana e quindi non meritava nessun aiuto, la Legge prevede assunzione obbligatoria. Per quanto riguarda il pubblico e allora come mai accade ciò? Davanti a un impiegata dell’ufficio del lavoro è stato consigliato alla signora in questione di non dire quali fossero i suoi problemi di salute, tutto ciò in mia presenza. Per non parlare di una telefonata avuta sempre con un altro dipendente dell’ufficio del lavoro il quale si rifiutava di darmi delle spiegazioni. Un'altra signora invece è stata intimata con una diffida di un allora Sindaco Spagnolli di non infastidirlo più. Noi chiediamo che venga fatta chiarezza e che queste persone come davvero prevede la legge abbiano il sacro santo diritto di avere un posto di lavoro, le selezioni anche nel privato non devono favorire cooperative associazioni , ma la persona in questione deve essere assunta tramite graduatoria, poi in fase lavorativa verrà valutata dal datore di lavoro in base al proprio operato. Ricordo sempre in base alla testimonianza della signora Lettieri che noi siamo l’unica Provincia che non adempie a questo obbligo istituzionale nei tempi previsti, dato che la regione Sicilia riferisce che al massimo dopo tre mesi una persona viene inserita nel mondo del lavoro. casapoundbolzano@yahoo.it - http://www.casapounditalia.org

Tu sai cosa FARE! CasaPound #Bolzano2016

In questo periodo elettorale di chiacchiere, starnazzi, ipocrisie e facce imbalsamate, le nostre parole sono i nostri FATTI! Le nostre azioni. Quello che CasaPound fa 366 giorni all'anno. Giorno e notte. Senza sosta, tregua o sonno. A difesa della città e contro i nemici del popolo. Con Maurizio Puglisi Ghizzi SINDACO per dilaniare il loro grigio! Alle elezioni dell'8 maggio #tusaicosaFARE!

Oggi gli attivisti de LA FORESTA CHE AVANZA Trentino Alto Adige, gruppo ecologista di CasaPound, e i volontari di Homeless Pets Bolzano, hanno ripulito la colonia felina di via Bari. Nel video, intervista al consigliere di circoscrizione a Don Bosco Davide Brancaglion e a Manuel Cattaneo, volontario dell'associazione

Servizio di TCA sull'azione di CasaPound al Brennero

Servizio di TCA sull'azione di CasaPound al Brennero Bolzano, 22 aprile – Continua la polemica sul confine italo-austriaco in vista anche della manifestazione di domenica al Brennero indetta dall’estrema sinistra. Questa mattina, ad intervenire è stato un gruppo di militanti di CasaPound Italia che ha chiuso simbolicamente, con del nastro di delimitazione, il confine del Brennero in entrata, dall’Austria all’Italia, affiggendo uno striscione recante la scritta "Refugees not welcome", riferita alle espulsioni di immigrati su territorio italiano. “Nonostante possiamo plaudire alla decisione austriaca di chiudere il confine - dichiara Maurizio Puglisi Ghizzi, candidato sindaco di CasaPound a Bolzano - non possiamo continuare a tollerare questa situazione di ‘scaricabarile’ in cui oltre ai respingimenti al valico, la gendarmeria tirolese espelle a sud, su territorio italiano, anche gli immigrati non desiderati presenti su suolo austriaco”. “Per quanto possa funzionare - continua Puglisi Ghizzi - l’Italia imbarca ogni mese decine di immigrati irregolari o delinquenti abituali, a proprie spese, su aerei di linea destinati ai paesi d’origine di questi individui. Bene, l’Austria dovrebbe fare altrettanto, rispedendo al mittente questi soggetti mediante voli e accordi con i paesi interessati, senza scaricare sempre il problema a noi italiani e, sopratutto, in un Alto Adige che con la chiusura della frontiera si sta trasformando in una gigantesca pentola a pressione. Da qui la nostra decisione di chiudere simbolicamente il tanto discusso confine, auspicando che - conclude il candidato di CasaPound - possa essere di sprono ai rispettivi governi per agire anche in tal senso”. http://www.casapounditalia.org - casapoundbolzano@yahoo.it

Servizio sul partecipato incontro di ieri nel quartiere Don Bosco con Andrea Bonazza, la coordinatrice lombarda di Sovranità Angela De Rosa, il consigliere comunale di Lamezia Mimmo Gianturco e il candidato sindaco di #Bolzano2016 Maurizio Puglisi Ghizzi

Il video del l'irruzione di CasaPound questa mattina all'IPES Dopo la nostra irruzione alla sede IPES per protestare contro gli ascensori guasti di alcuni condomini di piazza Matteotti, con relativi problemi per inquilini disabili e anziani, l'azienda incaricata della manutenzione degli ascensori ha bypassato la burocrazia dell'ente inviando il tecnico preposto a risolvere il problema, in soli 10 minuti. Ringraziamo a nome nostro e degli inquilini, la coraggiosa azienda e il tecnico che ha risolto la situazione. #tusaicosaFARE!!!

L'intervento conclusivo del nostro Maurizio Puglisi Ghizzi

Ennesimo caso di degrado nel quartiere Don Bosco Dopo le segnalazioni degli inquilini, il candidato sindaco di CasaPound Maurizio Puglisi Ghizzi, il consigliere di circoscrizione Davide Brancaglion e alcuni militanti, ancora una volta stanno ripulendo un area dei condomini IPES di via Parma. #riprendiamociDonBosco #riprendiamociBolzano #IPESmonnezza #tusaicosaFARE

Inaugurazione nuova sezione CasaPound nel quartiere Oltrisarco. Candidato sindaco @Ghizzi Maurizio

Servizio sull'apertura della nuova sezione di CasaPound nel quartiere Oltrisarco Interviste al candidato sindaco Maurizio Puglisi Ghizzi, al coordinatore piemontese Cpi Marco Racca, al consigliere di circoscrizione Mirko Gasperi e al responsabile di quartiere Sandro Trigolo

CasaPound apre nel quartiere Oltrisarco

Servizio di Rttr sull'apertura della nuova sede di CasaPound, questo sabato, nel quartiere Oltrisarco in via Aslago

Ennesima vittoria di CasaPound È finita a lieto fine, questa mattina la storia di Mario, l'invalido pensionato di Bressanone che fino a qualche settimana fa dormiva in macchina in seguito ad uno sfratto. Dopo un mese di trattative tra CasaPound e l'Azienda Servizi Sociali, è arrivato finalmente l'alloggio tanto atteso e desiderato. Ora il signor Mario potrà passare la sua vita dignitosamente e in tutta tranquillità come ogni anziano italiano merita, dopo una vita di sacrifici. #primagliitaliani #alcuniitalianinonsiarrendono #CasaPound

Per la terza settimana consecutiva, i consiglieri di CasaPound Sandro Trigolo e Caterina Foti, si trovano a Bressanone per monitorare la situazione del signor Mario, pensionato, invalido, costretto a dormire in una macchina prima del nostro intervento. Per lui è stato prolungato il periodo di soggiorno nella pensione in cui alloggia, fino al 4 di aprile a carico dei servizi sociali, in quanto non si è riusciti a trovare fin'ora un appartamento in affitto. A questo proposito lanciamo un appello e chiediamo a tutti di aiutare il signor Mario nella ricerca di un alloggio a modico prezzo, vista la sua bassa pensione. casapoundbolzano@yahoo.it #primagliitaliani

#BOLZANO2016, RTTR: CASAPOUND SCENDE IN CAMPO. PUGLISI GHIZZI SINDACO

#BOLZANO2016, IL GIORNO: CASAPOUND SCENDE IN CAMPO. PUGLISI GHIZZI SINDACO

#BOLZANO2016, VIDEO 33: CASAPOUND SCENDE IN CAMPO. PUGLISI GHIZZI SINDACO

#BOLZANO2016, TCA ALTOADIGE TV: CASAPOUND SCENDE IN CAMPO. PUGLISI GHIZZI SINDACO

Servizio di TCA sulla situazione di Max e Samantha. Diffondiamo affinchè le istituzioni e altri politici prendano a cuore questa grave situazione

Servizio di RTTR sulla grave situazione di Samantha e Max, che da mesi attendono una casa popolare. Condividiamo affinchè sia le istituzioni, sia l'IPES, sia i vari rappresentanti politici prendano a cuore questo caso #primagliitaliani

Servizio de il Giorno dell'Alto Adige sull'occupazione di CasaPound al palazzo IPES di piazza Matteotti, in sostegno a una famiglia italiana in grave situazione di emergenza abitativa. Sollecitiamo la politica e le istituzioni a prendere subito a cuore la situazione.

Continua l'occupazione presso l'Ipes di piazza Matteotti assieme ai famigliari di Max e Sam in attesa di una risposta concreta da parte dell'ente. Sollecitiamo la politica e le istituzioni a prendere subito a cuore la situazione.

Il giorno 18 il Signor Mario avrebbe dovuto lasciare la pensione nella quale alloggia. In attesa di una sistemazione definitiva abbiamo ottenuto un'ulteriore settimana di permanenza a carico dei servizi sociali. La prossima settimana abbiamo un ulteriore incontro con il responsabile del distretto per valutare le proposte di alcuni alloggi. #primagliitaliani

I consiglieri di circoscrizione Europa-Novacella Sandro Trigolo e Caterina Foti si stanno recando a Bressanone per verificare la situazione del sig. Mario.

Servizio di Tca sull'intervento di CasaPound a Bressanone, in ...

Servizio di TCA sull'intervento di CasaPound a Bressanone per una grave situazione di emergenza abitativa Bressanone (BZ), 10 marzo - Questa mattina i militanti di Casapound Bolzano sono intervenuti per una grave situazione di emergenza abitativa a Bressanone in cui, un settantenne pensionato italiano, invalido all’80%, da settimane si trovava costretto a dormire nella propria automobile in quanto sfrattato da un alloggio Ipes perchè impossibilitato a saldare gli affitti, 300euro al mese, per via dei 550euro di pensione percepita. “Martedi abbiamo appreso dai quotidiani locali di questa grave situazione - spiegano in una nota i consiglieri Cpi Sandro Trigolo e Caterina Foti - e oggi ci siamo recati a Bressanone per intervenire immediatamente, consegnandogli aiuti alimentari e portando la situazione del pensionato all’attenzione dell’Azienda Servizi Sociali”. Giunti sul posto i militanti di CasaPound hanno constatato le precarie condizioni igienico sanitarie dell’uomo e insieme a lui si sono recati negli uffici dei Servizi Sociali brissinesi. Dopo un'ora di trattativa i consiglieri di Cpi hanno ottenuto una stanza interamente pagata dall'Azienda per l’anziano invalido, presso una pensione nella vicina località di Varna e provveduto all’immediato trasloco degli effetti personali del signore, dal parcheggio alla nuova sistemazione. “Questo nostro connazionale - continuano Trigolo e Foti - potrà pernottare in questo alloggio provvisorio fino al 18 marzo, dopodichè, l’Azienda ci ha garantito che al pensionato verrà consegnato un miniappartamento in cui vivere dignitosamente, da italiano. Come sempre - conclude la nota - continueremo a vigilare sull'evolversi della vicenda affinchè possa terminare a buon fine”. Brixen 10. März 2016 - Casapound will eine schwierige Situation zu Gunsten eines in die Jahren gekommenen Südtiroler lösen. Er ist zu 80% invalide und lebt seit Wochen in seinem kleinem Auto. 550 € an Altersrente geben ihm keine andere Alternative. Dank dem pünktlichen Zugriff der Militanten Sandro Trigolo un Caterina Foti. Sie waren gleich zur Stelle sobald sie davon erfahren haben. Nach einer Stunde der Verhandlung, hat der Pensionist eine Unterkunft bis 18. März erhalten, ganz zu Kosten der Sozialdienste. Er wird in Zukunft eine Wohnung erhalten. Wir werden natürlich darauf am Laufenden bleiben. casapoundbolzano@yahoo.it - http://www.casapounditalia.org

CasaPound interviene a Bressanone per risolvere situazione di emergenza abitativa del signor Mario, pensionato italiano invalido all'80%, costretto a vivere in un automobile fino a questa mattina. Dopo l'intervento di Sandro Trigolo e Caterina Foti al distretto sociale, da oggi, il signor Mario può tornare a vivere dignitosamente in una casa. #questaèCasaPound #primagliitaliani #tusaicosaFARE

Servizio di TCA sulla manifestazione contro immigrazione selva...

Servizio di TCA sulla manifestazione di ieri sera, contro immigrazione selvaggia e violenza sulle donne #riprendiamociBolzano

Racconti di viaggio di una volontaria Solid onlus in Siria - Intervista a Giulia Pilloni Grande partecipazione per la conferenza sulla Siria organizzata dalla onlus "Solidarité Identité" dove, la giovanissima volontaria Giulia Pilloni, ha raccontato la sua esperienza nelle zone di guerra in cui, unitamente agli altri volontari di Sol.Id., ha portato gli aiuti raccolti nei mesi scorsi a Bolzano come in tutta Italia. A margine si è aperta anche una mostra fotografica presso lo spazio sociale Rockaforte in via Cesare Battisti 8, che resterà aperta fino al 13 marzo prossimo.

Servizio de "La gabbia" di La7 sullo scandalo vitalizi ai cons...

Servizio de "La gabbia" di #La7 sullo #scandalo #vitalizi ai consiglieri provinciali in #TrentinoAltoAdige e, in primis, sui milioni di euro di vitalizi ricevuti da chi, come #EvaKlotz, continua a fomentare l'odio etnico tra tedeschi e italiani. #CasaPound non ha mai preso un centesimo di soldi pubblici e la nostra forza è proprio basarsi unicamente sull'autofinanziamento. I gettoni dei nostri consiglieri vengono reinvestiti in raccolte alimentari per italiani in difficoltà economica e attività militanti

La consegna alimentare di CasaPound ai 136 operai dell'ex-Memc di Sinigo, da 5 mesi senza stipendio Nel servizio interviste a: Andrea Bonazza, Caterina Foti, una dipendente Solland Silicon e l'intervento/non-intervento di Christian Tommasini sul fondo sociale provinciale #puglieseesciisoldi

BOLZANO, 10 FEBBRAIO 2016: CORTEO IN RICORDO DEI MARTIRI DELLE...

BOLZANO, 10 FEBBRAIO 2016: CORTEO IN RICORDO DEI MARTIRI DELLE FOIBE E DEGLI ESULI GIULIANO-DALMATI.

L'intervento di Davide Brancaglion al consiglio di circoscrizione Don Bosco di ieri Il consigliere di #CasaPound risponde alle polemiche avanzate dal #PD, assente alla seduta

Le interviste ai consiglieri della circoscrizione Don Bosco sulla richiesta di dimissioni di Davide Brancaglion di Cpi, avanzate da un #PD ancora una volta assente alla riunione del consiglio di quartiere

Niente più licenziamenti per gli OSS Caterina Foti spiega la vittoria di Cpi e Confintesa Alto Adige in difesa degli operatori socio sanitari che saranno riassorbiti dalla Provincia di Bolzano

"Organizzarsi per chiudere le sedi di CasaPound, come nell'assalto di Firenze" Queste le parole pronunciate nel corso della 'democratica' e 'pacifica' manifestazione antifascista di sabato a Bolzano, in cui si è preso ad esempio l'assalto della libreria fiorentina di Cpi, in 20 antifascisti contro 3, con mattoni, sassi, spranghe e bombe carta, e dove è rimasta ferita una ragazza di CasaPound Come sempre gli antifascisti non perdono occasione per strumentalizzare e incitare a un odio e a una violenza senza le quali nemmeno esisterebbero.

Ennesima bonifica di CasaPound a Oltrisarco

Parla il consigliere Cpi della circoscrizione Oltrisarco Mirko Gasperi sulla bonifica dei ragazzi di CasaPound in una via degradata del quartiere "Una situazione che si protrae da diverso tempo nonostante la nostra mozione in consiglio di circoscrizione, il quale ha provveduto a informare la Seab. Dato che, fino ad oggi nulla è stato fatto, ha fatto CasaPound"

Servizio di Rttr sulla nostra consegna di alimenti di Cpi ieri all'ex-Memc e sulla grave situazione degli operai Solland Silicon che non ricevono lo stipendio da mesi. Nel video anche l'intervista alla sindacalista Cpi Caterina Foti, allontanata prepotentemente dall'assemblea sindacale dell'azienda

Il coordinatore regionale di Cpi Andrea Bonazza commenta la manifestazione antifascista di sabato a Bolzano

Intervista a Sandro Trigolo sull'espulsione del consigliere assenteista dalla circoscrizione Europa Novacella, chiesta e ottenuta da Cpi

Basta centri profughi, prima i padri separati

Servizio del Tg di Redazione Tca Bolzano sulla nuova campagna di CasaPound per incentivare l'assegnazione alloggi popolari ai padri separati italiani e contro l'apertura di nuovi centri profughi #primagliitaliani

Le befane di CasaPound portano giocattoli ai bimbi autistici

Le befane di CasaPound portano giocattoli ai bimbi autistici. Questo il servizio trasmesso quest'oggi da TCA AltoAdigeTV.

2015 IN LOTTA: (5Maggio) Durante il comizio di Salvini a Bolzano, un gruppetto di estrema sinistra (guidato da noti esponenti di rifondazione etc) fece irruzione in piazza contestando e insultando i cittadini presenti Uno dei cori più urlati era: "fuori i fascisti da piazza Matteotti" Alcuni militanti di CasaPound presenti alla manifestazione, reagirono alle offese rivendicando il diritto di stare nella propria piazza Il risultato fu che ad andar "fuori da piazza Matteotti" ancora una volta furono i "poveri" antifascisti e, a differenza di altre città sotto scacco dei centri sociali, i bolzanini poterono continuare ad assistere al comizio nella loro piazza

CasaPound denuncia situazione di degrado in via Napoli

2015 IN LOTTA: Bolzano, 5 giugno - Intervista al consigliere di Cpi Andrea Bonazza sulla situazione di degrado che si protraeva da mesi in via Napoli, dove degli extracomunitari bivaccavano all'interno di alcune autovetture e baracche, arrivando a molestare i bambini delle vicine scuole CasaPound diede 10 giorni di tempo a sindaco e forze dell'ordine per rimuovere i mezzi, con la minaccia che al termine di questo ultimatum, i militanti di Cpi avrebbero provveduto loro stessi, con le "vecchie maniere", alla bonifica dell'area L'undicesimo giorno i mezzi sono stati rimossi e oggi l'intera zona è stata completamente riqualificata per essere restituita a bambini e residenti.

Dai Piani a Ortisei basta centri d'accoglienza

Dai Piani a Ortisei basta centri d'accoglienza Intervista al coordinatore regionale di Cpi Andrea Bonazza, sull'ennesima apertura di un centro profughi in Alto Adige

Bolzano, blitz di CasaPound al nuovo centro profughi di Gries ...

SERVIZIO GR RADIO NBC 03.12.2015 - 19.00 Bolzano, blitz di CasaPound al nuovo centro profughi di Gries - prima le case ai padri separati. Bolzano, 3 dic - Questa mattina un gruppo di militanti di CasaPound Italia ha preso di mira il nuovo centro profughi di via Lageder, accendendo alcuni fumogeni e affiggendo uno striscione davanti alla struttura. Lo striscione di Cpi, rivolto sia alle istituzioni che al privato proprietario dell'edificio, riportava la scritta "basta centri d'accoglienza - case ai padri separati italiani". In accordo con la Provincia di Bolzano, il signor Frasnelli, proprietario del maso Zeiler che a breve ospiterà una trentina di presunti richiedenti asilo, ha deciso di mettere gratuitamente a disposizione dell'emergenza profughi l'immobile per tre anni. "Ci stupisce che nonostante sia da tempo che la struttura è abbandonata e con un progetto edilizio bloccato - dichiara in una nota il coordinatore regionale di Cpi Andrea Bonazza - adesso il maso Zeiler, sito a pochi metri da un asilo nido, viene destinato per un fine così caritatevole, anche se da anni è risaputo che centinaia di nostri concittadini, tra cui un altissimo numero di padri separati, attendono una casa popolare o un alloggio sociale che tarda ad arrivare o rimane solo un lontano miraggio". "Sistemati in alloggi di fortuna come garage o addirittura automobili, patendo ora il freddo invernale, i padri separati sono una delle fasce più deboli della nostra società, ma nonostante questo vengono poco considerati o addirittura ignorati dalle istituzioni che, preferiscono concentrare i loro sforzi e le loro risorse per chi, pare, sia tutto tranne che italiano. A questo punto - conclude Bonazza - ci chiediamo se questa operazione non abbia lo stesso interesse dell'accordo sull'Hotel Alpi tra il Comune di Bolzano e Renè Benko". casapoundbolzano@yahoo.it http://www.casapounditalia.org http://www.casapoundtrentinoaltoadige.org

CENTRI PROFUGHI, SCONTRO CASAPOUND-VOLONTARIUS

ORTISEI: Acceso confronto tra il coordinatore regionale di CP Andrea Bonazza e Andrea Tremolada di Volontarius sull'apertura di un nuovo centro profughi a pochi metri da una scuola ed un asilo in pieno centro a Ortisei.

Ancora roghi nei garage - CasaPound regala estintori all'Ipes!

Ancora roghi nei garage - CasaPound regala estintori all'Ipes Bolzano, 23 nov - Ancora incendi dolosi nei garage Ipes del quartiere Don Bosco. I militanti di CasaPound Italia tornano alla sede dell'Istituto per l'edilizia sociale in piazza Matteotti e regalano estintori al direttore "Solo pochi giorni fa eravamo venuti per ribadire lo stato di degrado e insicurezza nei garage del quartiere - afferma in una nota Davide Brancaglion, consigliere Cpi della circoscrizione Don Bosco - Allora avevamo portato all'ente sacchi di immondizia e bottiglie di urina, per consegnare materialmente la protesta degli inquilini; oggi invece, regaliamo all'Ipes degli estintori nuovi, visto che essendo i cancelli ancora guasti e il rischio di incendi è sempre alto, forse l'Istituto si attiverà finalmente a ripararli e sostituire gli estintori che, anche durante il rogo di giovedì notte in cui ha preso fuoco una moto, - conclude Brancaglion - erano vergognosamente scarichi". casapoundbolzano@yahoo.it http://www.casapounditalia.org http://www.casapoundtrentinoaltoadige.org

Conferenza stampa della consigliera Cpi Caterina Foti, con i segretari nazionali Ugl - 17.11.2015

Caterina Foti consigliera di circoscrizione Cpi, espulsa dalla UIL provinciale, passa alla UGL nazionale.

RADIO NBC RETE REGIONE - GR 19.00 12 NOV 2015

Irruzione di CasaPound alla sede Ipes contro degrado - consegnate all'ente immondizie e urine

TGR RAI BOLZANO - GR 7.20 13 NOV 2015

Servizio sull'irruzione di CasaPound alla sede Ipes di piazza Matteotti TGR RAI BOLZANO - GR 7.20 13 NOV 2015

Degrado e sporcizia nei garage. CasaPound fa irruzione nella s...

Degrado e sporcizia nei garage. CasaPound fa irruzione nella sede IPES di via Milano.

Caterina Foti, cacciata dalla Uil: "Pronta a fare ricorso"

Intervista a Caterina Foti rilasciata a "Il Giorno dell'Alto Adige" sulla sospensione dalla UIL.

TGR RAI BOLZANO - Situazione di degrado a parco Mignone

Servizio della RAI sulla situazione di degrado a parco Mignone, con breve intervista al coordinatore di Cpi Andrea Bonazza

RTTR ALTO ADIGE - Scontro tra Cpi e coop comunale in piazza Vi...

RTTR ALTO ADIGE - Scontro tra Cpi e coop comunale in piazza Vittoria

ALTO ADIGE TV - Scontro tra Cpi e coop comunale in piazza Vitt...

ALTO ADIGE TV - Scontro tra Cpi e coop comunale in piazza Vittoria

Scontro tra Cpi e coop comunale in piazza Vittoria

Scontro tra Cpi e coop comunale in piazza Vittoria

Ora al Monumento alla Vittoria, VERGOGNA! Nel centenario della Grande Guerra, nella giornata del 4 novembre, il giorno della festa delle Forze Armate, i dipendenti di una cooperativa con mandato comunale, ha impedito a privati cittadini di deporre delle rose rosse nell'arco di Piacentini dedicato agli Eroi della Grande Guerra. Nessun regolamento al mondo vieta la deposizione di un fiore in un luogo pubblico e l'URSS è caduta da un pezzo. Ora i responsabili di questo "abuso di potere" dovranno spiegare a noi, alla cittadinanza e a un giudice, dove sta scritto che dei privati cittadini non possono rendere omaggio ai propri Caduti.

"Siamo stufe di questa situazione - riferiscono alcune mamme al militante di CasaPound Sandro Trigolo - è inammissibile che in pieno giorno dobbiamo assistere con i nostri figli a tossicodipendenti che fanno uso di sostanze stupefacenti, individui che dormono sulle panchine e stranieri che urinano e defecano sul prato. Quasi quotidianamente avvisiamo le forze dell'ordine ma, purtroppo, nulla possono".

Ieri notte, un immigrato iraniano è venuto al presidio di CasaPound ai Piani di Bolzano, complimentandosi per l'iniziativa, ribadendo quanto in pochi anni sia cambiata la città tra degrado e criminalità, e spiegando quanto le folli politiche migratorie del governo italiano hanno influito per arrivare a questa situazione. Lo ha capito lui che viene dall'Iran, ma non lo capiscono i nostri governanti che vivono in una sfera di cristallo... Che prima o poi manderemo in frantumi!

Brancaglion su votazione antenne a Don Bosco

Modifica al regolamento edilizio riguardo alla diminuzione della distanza delle antenne per le telecomunicazione, dalle zone sensibili come scuole, asili ecc. Giustamente bocciata in tutti i quartieri! Unici favorevoli PD ed SVP... ricordateveli! Nel video il consigliere Cpi nel quartiere Don Bosco Davide Brancaglion

Ieri altra notte di presidio nel quartiere Piani, davanti al centro profughi Nel video il coordinatore regionale di CasaPound Italia Andrea Bonazza

Siamo tornati al parcheggio di via Mayr Nusser per verificare la situazione Dopo le nostre segnalazioni, sembrerebbe che finalmente la Seab si sia mossa.

Servizio di TCA sull'azione di CasaPound contro lo Ius Soli in provincia di Bolzano

Questo pomeriggio i militanti di CasaPound hanno pulito le scale d'accesso al parcheggio di Via Mayr Nusser dalle siringhe abbandonate. Siamo appena tornati a verificare la situazione e purtroppo lo abbiamo trovato in queste condizioni. Continueremo a vigilare. #bastadegrado

Bolzano, 18 ott - CasaPound ripulisce da siringhe e rifiuti lasciati da tossicodipendenti, un area del parcheggio Mayr Nusser tra il centro e il quartiere Piani Nel video, intervento del responsabile cittadino Davide Brancaglion

Intervento di CasaPound Bolzano, adesso al parcheggio Mayr Nusser, tra il quartiere Piani e il centro, dopo alcune segnalazioni relative a presenza di numerose siringhe

Intervento del nostro Sandro Trigolo, consigliere di circoscrizione Europa, al presidio di ieri sera ai Piani di Bolzano Anche questa stanotte CasaPound presidierà il quartiere contro il degrado. #riprendiamocipiani #riprendiamocibolzano

Servizio di Video33 del 12 maggio 2015 sull'elezione di CasaPo...

Servizio di Video33 del 12 maggio 2015 sull'elezione di CasaPound in consiglio comunale

Bonazza di CasaPound contro i "magheggi" della giunta comunale

il consigliere di Cpi Andrea Bonazza contro i "magheggi" della giunta comunale

Era il 25 giugno 2015... CasaPound entra a spinta in consiglio comunale per urlare contro i sotterfugi della giunta.

Video della consegna degli aiuti, oltre 10tonnellate, raccolti da CasaPound in Italia e distribuiti al popolo greco davanti alla sede di Alba Dorata. Presente anche il consigliere comunale di Bolzano Andrea Bonazza #perlagrecia #conlagrecia

Un momento della consegna degli aiuti per il popolo greco, portati da CasaPound Italia ad Atene sotto la sede di Alba Dorata. Presente il presidente di Cpi Gianluca Iannone e il consigliere comunale di Bolzano Andrea Bonazza Come sempre, ci sentiamo in dovere di mostrarvi con estrema trasparenza la destinazione effettiva delle nostre azioni di solidarietà. #perlagrecia #conlagrecia #bastaUe

CasaPound bonifica spiaggetta a ponte Palermo

Bolzano, 11 ago - Oggi un gruppo di militanti di CasaPound Italia si sono rimboccati le maniche ed hanno ripulito la "spiaggetta" sull'Isarco sotto ponte Palermo, meta frequentatissima dei residenti dei quartieri Don Bosco ed Europa-Novacella in questi giorni di grande caldo, ma purtroppo priva di bidoncini per la spazzatura che viene abbandonata ovunque. "La situazione è al limite della decenza, la spiaggetta è ricoperta di spazzatura di ogni genere, comprese bottiglie di vetro, lattine e addirittura siringhe con le quali i molti bambini che giocano nella zona possono facilmente ferirsi". Ad affermarlo è Sandro Trigolo, consigliere di circoscrizione a Europa-Novacella, che dopo aver ripulito l'area assieme al consigliere di Don Bosco, Davide Brancaglion, ad altri ragazzi di Cpi, ed aver chiesto l'intervento della Seab per rimuovere i sacchi con la spazzatura raccolta, ha offerto agli avventori della spiaggetta acqua fresca e limonata per vincere l'afa. "Questa mattina abbiamo depositato anche un'interrogazione in circoscrizione e inviato una lettera alla Seab, responsabile della manutenzione dell'argine, affinché vengano presi presto provvedimenti in merito, con l'installazione di bidoncini per lo smaltimento dei rifiuti" conclude Davide Brancaglion, consigliere di Cpi a Don Bosco. http://www.casapounditalia.org http://www.casapoundtrentinoaltoadige.org casapoundbolzano@yahoo.it

Oggi ai greci, domani a TE! #bastaUE! CasaPound raccoglie aiuti per il popolo greco.

1 luglio 2015 - sgomberata occupazione Cpi a Oltrisarco Bolzano - CasaPound occupa stabile abbandonato: Prima gli italiani Bolzano, 1 luglio - Questa mattina un gruppo di militanti di CasaPound Italia, insieme ad alcuni cittadini in emergenza abitativa e residenti della zona, hanno occupato la vecchia scuola di via Castel Flavon, dimora abusiva di immigrati e in stato di totale abbandono da oltre 10 anni. "Dopo le numerose segnalazioni degli abitanti esasperati per l'allarmante situazione in cui versa lo stabile, e non avendo ricevuto alcuna risposta dalla Provincia in seguito ad una prima occupazione simbolica del Blocco Studentesco risalente all'inverno scorso, i ragazzi di Cpi hanno occupato oggi questa struttura simbolo del degrado del quartiere, per riqualificarla e restituirla alla cittadinanza" a dichiararlo in una nota è la sezione locale di CasaPound. "Nonostante questa vecchia scuola, già abusivamente occupata da extracomunitari, sia confinante con dei condomini e con due campetti da calcio frequentati da bambini, gli enti competenti non sembrano intenzionati a risolvere un problema che rischia di diventare sempre più grande. Solo negli ultimi anni infatti, - continuano i ragazzi di Cpi - si sono susseguiti incendi e allagamenti in alcune aree dell'immobile, così come episodi di spaccio, furti, danneggiamenti e sporcizia di ogni genere". I militanti di CasaPound intendono recuperare i piani superiori dello stabile, con numerose stanze e appartamenti da destinare ai cittadini bisognosi o in emergenza abitativa, mentre nei piani inferiori si vorrebbe procedere con il risanamento della vecchia palestra da adibire a campo di hockey inline. "Con le istituzioni che lasciano sulla strada i propri cittadini, preoccupandosi di trovare alloggi per gli immigrati - afferma CasaPound - non possiamo tollerare questo ennesimo spreco di denaro pubblico di una struttura che potrebbe ospitare padri separati, disoccupati e famiglie o coppie italiane in difficoltà". L'immobile, che per metà appartiene alla Provincia e metà all'Ipes, sembrerebbe avere già un progetto per la costruzione di alloggi popolari, ma bloccato da lungo tempo per la mancata approvazione dello stesso. "Intendiamo poi recuperare i piani inferiori della scuola destinandoli ad attività sportive e di protezione civile, con il recupero della grande palestra, che una volta sistemata avrebbe tutti i requisiti per diventare il campo da gioco delle numerose squadre di 'hockey inline' presenti in città; sport praticato da centinaia di giovani bolzanini, ma colpevolmente trascurato da Provincia e Comune nonostante gli ottimi risultati agonistici. Dove le istituzioni latitano - conclude CasaPound - ci sentiamo in dovere di intervenire in prima persona". http://www.casapounditalia.org casapoundbolzano@yahoo.it http://www.casapoundtrentinoaltoadige.org

1luglio 2025-Occupazione ex-scuola a Oltrisarco Bolzano - CasaPound occupa stabile abbandonato: Prima gli italiani Bolzano, 1 luglio - Questa mattina un gruppo di militanti di CasaPound Italia, insieme ad alcuni cittadini in emergenza abitativa e residenti della zona, hanno occupato la vecchia scuola di via Castel Flavon, dimora abusiva di immigrati e in stato di totale abbandono da oltre 10 anni. "Dopo le numerose segnalazioni degli abitanti esasperati per l'allarmante situazione in cui versa lo stabile, e non avendo ricevuto alcuna risposta dalla Provincia in seguito ad una prima occupazione simbolica del Blocco Studentesco risalente all'inverno scorso, i ragazzi di Cpi hanno occupato oggi questa struttura simbolo del degrado del quartiere, per riqualificarla e restituirla alla cittadinanza" a dichiararlo in una nota è la sezione locale di CasaPound. "Nonostante questa vecchia scuola, già abusivamente occupata da extracomunitari, sia confinante con dei condomini e con due campetti da calcio frequentati da bambini, gli enti competenti non sembrano intenzionati a risolvere un problema che rischia di diventare sempre più grande. Solo negli ultimi anni infatti, - continuano i ragazzi di Cpi - si sono susseguiti incendi e allagamenti in alcune aree dell'immobile, così come episodi di spaccio, furti, danneggiamenti e sporcizia di ogni genere". I militanti di CasaPound intendono recuperare i piani superiori dello stabile, con numerose stanze e appartamenti da destinare ai cittadini bisognosi o in emergenza abitativa, mentre nei piani inferiori si vorrebbe procedere con il risanamento della vecchia palestra da adibire a campo di hockey inline. "Con le istituzioni che lasciano sulla strada i propri cittadini, preoccupandosi di trovare alloggi per gli immigrati - afferma CasaPound - non possiamo tollerare questo ennesimo spreco di denaro pubblico di una struttura che potrebbe ospitare padri separati, disoccupati e famiglie o coppie italiane in difficoltà". L'immobile, che per metà appartiene alla Provincia e metà all'Ipes, sembrerebbe avere già un progetto per la costruzione di alloggi popolari, ma bloccato da lungo tempo per la mancata approvazione dello stesso. "Intendiamo poi recuperare i piani inferiori della scuola destinandoli ad attività sportive e di protezione civile, con il recupero della grande palestra, che una volta sistemata avrebbe tutti i requisiti per diventare il campo da gioco delle numerose squadre di 'hockey inline' presenti in città; sport praticato da centinaia di giovani bolzanini, ma colpevolmente trascurato da Provincia e Comune nonostante gli ottimi risultati agonistici. Dove le istituzioni latitano - conclude CasaPound - ci sentiamo in dovere di intervenire in prima persona".

1 luglio 2015 - CasaPound Italia occupa ex-scuola a Oltrisarco Servizio di TGR RAI - Trentino Bolzano - CasaPound occupa stabile abbandonato: Prima gli italiani Bolzano, 1 luglio - Questa mattina un gruppo di militanti di CasaPound Italia, insieme ad alcuni cittadini in emergenza abitativa e residenti della zona, hanno occupato la vecchia scuola di via Castel Flavon, dimora abusiva di immigrati e in stato di totale abbandono da oltre 10 anni. "Dopo le numerose segnalazioni degli abitanti esasperati per l'allarmante situazione in cui versa lo stabile, e non avendo ricevuto alcuna risposta dalla Provincia in seguito ad una prima occupazione simbolica del Blocco Studentesco risalente all'inverno scorso, i ragazzi di Cpi hanno occupato oggi questa struttura simbolo del degrado del quartiere, per riqualificarla e restituirla alla cittadinanza" a dichiararlo in una nota è la sezione locale di CasaPound. "Nonostante questa vecchia scuola, già abusivamente occupata da extracomunitari, sia confinante con dei condomini e con due campetti da calcio frequentati da bambini, gli enti competenti non sembrano intenzionati a risolvere un problema che rischia di diventare sempre più grande. Solo negli ultimi anni infatti, - continuano i ragazzi di Cpi - si sono susseguiti incendi e allagamenti in alcune aree dell'immobile, così come episodi di spaccio, furti, danneggiamenti e sporcizia di ogni genere". I militanti di CasaPound intendono recuperare i piani superiori dello stabile, con numerose stanze e appartamenti da destinare ai cittadini bisognosi o in emergenza abitativa, mentre nei piani inferiori si vorrebbe procedere con il risanamento della vecchia palestra da adibire a campo di hockey inline. "Con le istituzioni che lasciano sulla strada i propri cittadini, preoccupandosi di trovare alloggi per gli immigrati - afferma CasaPound - non possiamo tollerare questo ennesimo spreco di denaro pubblico di una struttura che potrebbe ospitare padri separati, disoccupati e famiglie o coppie italiane in difficoltà". L'immobile, che per metà appartiene alla Provincia e metà all'Ipes, sembrerebbe avere già un progetto per la costruzione di alloggi popolari, ma bloccato da lungo tempo per la mancata approvazione dello stesso. "Intendiamo poi recuperare i piani inferiori della scuola destinandoli ad attività sportive e di protezione civile, con il recupero della grande palestra, che una volta sistemata avrebbe tutti i requisiti per diventare il campo da gioco delle numerose squadre di 'hockey inline' presenti in città; sport praticato da centinaia di giovani bolzanini, ma colpevolmente trascurato da Provincia e Comune nonostante gli ottimi risultati agonistici. Dove le istituzioni latitano - conclude CasaPound - ci sentiamo in dovere di intervenire in prima persona".

1 luglio 2015, CasaPound Italia occupa l'ex-scuola di Oltrisarco (Servizio RTTR ALTO ADIGE) Bolzano - CasaPound occupa stabile abbandonato: Prima gli italiani Bolzano, 1 luglio - Questa mattina un gruppo di militanti di CasaPound Italia, insieme ad alcuni cittadini in emergenza abitativa e residenti della zona, hanno occupato la vecchia scuola di via Castel Flavon, dimora abusiva di immigrati e in stato di totale abbandono da oltre 10 anni. "Dopo le numerose segnalazioni degli abitanti esasperati per l'allarmante situazione in cui versa lo stabile, e non avendo ricevuto alcuna risposta dalla Provincia in seguito ad una prima occupazione simbolica del Blocco Studentesco risalente all'inverno scorso, i ragazzi di Cpi hanno occupato oggi questa struttura simbolo del degrado del quartiere, per riqualificarla e restituirla alla cittadinanza" a dichiararlo in una nota è la sezione locale di CasaPound. "Nonostante questa vecchia scuola, già abusivamente occupata da extracomunitari, sia confinante con dei condomini e con due campetti da calcio frequentati da bambini, gli enti competenti non sembrano intenzionati a risolvere un problema che rischia di diventare sempre più grande. Solo negli ultimi anni infatti, - continuano i ragazzi di Cpi - si sono susseguiti incendi e allagamenti in alcune aree dell'immobile, così come episodi di spaccio, furti, danneggiamenti e sporcizia di ogni genere". I militanti di CasaPound intendono recuperare i piani superiori dello stabile, con numerose stanze e appartamenti da destinare ai cittadini bisognosi o in emergenza abitativa, mentre nei piani inferiori si vorrebbe procedere con il risanamento della vecchia palestra da adibire a campo di hockey inline. "Con le istituzioni che lasciano sulla strada i propri cittadini, preoccupandosi di trovare alloggi per gli immigrati - afferma CasaPound - non possiamo tollerare questo ennesimo spreco di denaro pubblico di una struttura che potrebbe ospitare padri separati, disoccupati e famiglie o coppie italiane in difficoltà". L'immobile, che per metà appartiene alla Provincia e metà all'Ipes, sembrerebbe avere già un progetto per la costruzione di alloggi popolari, ma bloccato da lungo tempo per la mancata approvazione dello stesso. "Intendiamo poi recuperare i piani inferiori della scuola destinandoli ad attività sportive e di protezione civile, con il recupero della grande palestra, che una volta sistemata avrebbe tutti i requisiti per diventare il campo da gioco delle numerose squadre di 'hockey inline' presenti in città; sport praticato da centinaia di giovani bolzanini, ma colpevolmente trascurato da Provincia e Comune nonostante gli ottimi risultati agonistici. Dove le istituzioni latitano - conclude CasaPound - ci sentiamo in dovere di intervenire in prima persona".

1 luglio 2015 - occupazione di Cpi all'ex-scuola "St Josef" di Oltrisarco Servizio di Video 33: la prima TV locale della Provincia di Bolzano Bolzano - CasaPound occupa stabile abbandonato: Prima gli italiani Bolzano, 1 luglio - Questa mattina un gruppo di militanti di CasaPound Italia, insieme ad alcuni cittadini in emergenza abitativa e residenti della zona, hanno occupato la vecchia scuola di via Castel Flavon, dimora abusiva di immigrati e in stato di totale abbandono da oltre 10 anni. "Dopo le numerose segnalazioni degli abitanti esasperati per l'allarmante situazione in cui versa lo stabile, e non avendo ricevuto alcuna risposta dalla Provincia in seguito ad una prima occupazione simbolica del Blocco Studentesco risalente all'inverno scorso, i ragazzi di Cpi hanno occupato oggi questa struttura simbolo del degrado del quartiere, per riqualificarla e restituirla alla cittadinanza" a dichiararlo in una nota è la sezione locale di CasaPound. "Nonostante questa vecchia scuola, già abusivamente occupata da extracomunitari, sia confinante con dei condomini e con due campetti da calcio frequentati da bambini, gli enti competenti non sembrano intenzionati a risolvere un problema che rischia di diventare sempre più grande. Solo negli ultimi anni infatti, - continuano i ragazzi di Cpi - si sono susseguiti incendi e allagamenti in alcune aree dell'immobile, così come episodi di spaccio, furti, danneggiamenti e sporcizia di ogni genere". I militanti di CasaPound intendono recuperare i piani superiori dello stabile, con numerose stanze e appartamenti da destinare ai cittadini bisognosi o in emergenza abitativa, mentre nei piani inferiori si vorrebbe procedere con il risanamento della vecchia palestra da adibire a campo di hockey inline. "Con le istituzioni che lasciano sulla strada i propri cittadini, preoccupandosi di trovare alloggi per gli immigrati - afferma CasaPound - non possiamo tollerare questo ennesimo spreco di denaro pubblico di una struttura che potrebbe ospitare padri separati, disoccupati e famiglie o coppie italiane in difficoltà". L'immobile, che per metà appartiene alla Provincia e metà all'Ipes, sembrerebbe avere già un progetto per la costruzione di alloggi popolari, ma bloccato da lungo tempo per la mancata approvazione dello stesso. "Intendiamo poi recuperare i piani inferiori della scuola destinandoli ad attività sportive e di protezione civile, con il recupero della grande palestra, che una volta sistemata avrebbe tutti i requisiti per diventare il campo da gioco delle numerose squadre di 'hockey inline' presenti in città; sport praticato da centinaia di giovani bolzanini, ma colpevolmente trascurato da Provincia e Comune nonostante gli ottimi risultati agonistici. Dove le istituzioni latitano - conclude CasaPound - ci sentiamo in dovere di intervenire in prima persona".

Il vice presidente di Cpi Simone Di Stefano al comizio di ieri sera a Bolzano

Spaccio,degrado,criminalita',questa non e' la mia citta'!!!

Diritto alla casa,diritto al lavoro, non ce l'abbiamo noi non ce l'avranno loro!!!

Ora in Piazza Municipio!

Corteo per i Martiri delle foibe - Bolzano 10 feb 2015 Bellissimo servizio di RTTR ALTO ADIGE

Militanti di #CasaPound stanno ripulendo l'insegna di via #Dalmazia, imbrattata questa notte da ignoti.

#Bolzano, 10 febbraio 2015 Corteo in onore dei #Martiri delle #foibe.

Bolzano: CasaPound mette 'sotto sequestro' l'area adiacente l'interporto di Vipiteno, stop a bidoni e detersivi nel torrente. Bolzano, 6 gennaio - Questa mattina i militanti di CasaPound Italia hanno simbolicamente posto sotto sequestro l'area adiacente l'interporto di Vipiteno, recintandola col nastro biancorosso di delimitazione ed esponendo l'avviso "area inquinata". "L'azione simbolica per sollecitare gli enti preposti a un rapido intervento - dichiara in una nota Sandro Trigolo di Cpi - prima che la situazione possa degenerare vista l'assenza dei controlli". "Ci hanno segnalato che numerosi automobilisti e camionisti in transito scaricano nel torrente bidoni di olio motore esausto e detersivi vari (come da foto allegate). D'altra parte il colore dell'acqua e la puzza nauseabonda non lasciano intendere nulla di buono". I militanti di CasaPound hanno prelevato dei campioni di quest'acqua per farli esaminare in laboratorio. "Non aspetteremo che la vicenda si trasformi nell'ennesima catastrofe ambientale" conclude il militante di CasaPound. http://www.casapounditalia.org http://www.casapoundtrentinoaltoadige.org casapoundbolzano@yahoo.it

Casa Pound e Blocco Studentesco ripuliscono la discarica abusiva di Castel Firmiano Bolzano 22.12.2014 - Questo pomeriggio una quindicina di militanti della sezione locale di Casa Pound e del Blocco Studentesco hanno provveduto a ripulire l'area adibita a discarica abusiva situata nei pressi di Castel Firmiano. La zona, che si trova al confine tra il comune di Bolzano e quello di Appiano, ha un passato travagliato: prima zona di accumulo delle macerie causate dai bombardamenti anglo-americani, poi discarica interrata per i rifiuti industriali degli stabilimenti che una volta popolavano la zona industriale del capoluogo ed infine discarica abusiva a cielo aperto. Moreno Mantilli, responsabile cittadino del Blocco Studentesco, esordisce così: "Sono mesi che il comune di Bolzano e quello di Appiano giocano allo scaricabarile cercando tutti i cavilli possibili per addossarsi l'uno sull'altro le responsabilità di questo scempio. Noi siamo stufi e non siamo disposti ad accettare che la nostra amministrazione pubblica, che da sempre si dice paladina dell'ambiente e della difesa territoriale, prosegua con questa intollerabile inerzia. Per questo motivo io ed altri studenti abbiamo deciso di dedicare una giornata delle nostre ferie natalizie per cercare di rendere giustizia a questo luogo.". Ulteriori informazioni sono disponibili alla pagina FB di CasaPound Bolzano oppure all'indirizzo e-mail casapoundbolzano@yahoo.it http://www.casapoundtrentinoaltoadige.org http://www.casapounditalia.org

Il blitz di CasaPound a ponte Roma di sabato 27.9. #casapound #riprendiamocibolzano #immigrazione

Adesso al Monumento alla Vittoria di Bolzano.

SBARCARE INFORMATI !!!

Bolzano, CasaPound regala libro sulle foibe a Caterina Guzzanti

Bolzano, CasaPound regala libro sulle foibe a Caterina Guzzanti: “Non si scherza sulle tragedie” Bolzano, 14 giu - “Un libro per riflettere e studiare, perché sulla politica si può anche ridere, sulle tragedie no”. Così CasaPound Italia Bolzano spiega il senso del regalo donato oggi a Caterina Guzzanti, ospite della Libera Università di Bolzano. L'attrice è ultimamente diventata famosa per il personaggio di “Vicki di CasaPound”, parodia della militante donna di Cpi che è solita rispondere alle obiezioni con la frase “E allora le foibe?”. Da qui l'idea di far avere alla Guzzanti il libro “Foibe rosse”, di Frediano Sessi, che spiega cosa sia stata in realtà quella tragedia citata negli sketch dell'attrice. “La rappresentazione che la Guzzanti offre della militanza femminile di CasaPound Italia – spiega Mayra Tabiadon, esponente di Cpi Bolzano – è ingenerosa, disinformata e in fondo venata di un pregiudizio maschilista (la militante, per l'attrice, non è in grado di compiere scelte politiche in autonomia, a differenza del suo fidanzato maschio). Ma non è questo a preoccuparci poiché si tratta pur sempre di satira, sia pur pretestuosa e priva di fondamento. Ben più grave è invece la banalizzazione della pulizia etnica, dell'uccisione, della tortura, dell'esodo di migliaia di nostri connazionali del confine orientale ad opera dei partigiani iugoslavi. Scherzare su quest'argomento è indice di ignoranza e cattivo gusto. Le foibe sono sparite per anni dai libri di scuola e ancora oggi sono oggetto di un feroce negazionismo avallato spesso dalle istituzioni. Sperare che chi è stato ucciso due volte, prima dalla furia anti-italiana e poi dalla storiografia faziosa, non venga massacrato una terza volta dall'ironia fuori luogo è forse chiedere troppo?”.

CasaPound offre la colazione contro gli sprechi della Giunta

CasaPound offre la colazione ai cittadini contro gli sprechi della Giunta provinciale. Bolzano 6.5.2013 (servizio di TCA)